I furgoni 4x4 possono essere utili in diverse occasioni; ancora di più se alla meccanica si aggiunge anche un'estetica accattivante

I furgoni 4x4 suscitano sempre un certo fascino, anche se poi effettivamente sono davvero utili in pochi contesti lavorativi. Sarebbe però riduttivo relegarli solo al fuoristrada estremo visto che come avviamo visto anche nella nostra recente guida all'acquisto, possono offrire qualche sicurezza in più rispetto alle due ruote motrici anche in contesti di strada com poca aderenza o di improvvisi acquazzoni o nevicate.

Ford, anche per questo, ha recentemente lanciato una linea dedicata Trail che, oltre ad aggiungere aiuti alla trasmissione della coppia come il differenziale anteriore a slittamento limitato o la trazione integrale intelligente, implementa degli accorgimenti di carrozzeria come le protezioni laterali cerchi in lega da 16'' o uno skid plate anteriore per aumentare l'appeal e le prestazioni off-road. 

Pregi e difetti

Le versioni Trail sono disponibili sia sul Transit Custom sia sul Transit da 2 t, in questo caso anche con la trazione integrale Intelligent All Wheel Drive. Fra i principali pregi di questi ultimi, c'è sicuramente quello della semplicità di gestione del sistema di trazione. Un differenziale centrale a slittamento controllato, infatti, distribuisce automaticamente la coppia fra dietro e davanti sulla base delle condizioni di aderenza.

L'autista può comunque intervenire bloccando il differenziale centrale e dividendo al 50% fra anteriore e posteriore la trazione. Una soluzione utile sopratutto nel fuoristrada un po' più complicato. Peccato che la versione Trail del Transit sia disponibile solo con il cambio manuale a sei marce, non sempre precisissimo e comunque non immediato nella gestione con le marce basse abbastanza corte.

Gallery: Ford Transit Trail e Transit Custom Trail

L’accorgimento principale se si lascia l’asfalto è dare sempre un occhio alle dimensioni soprattutto all’altezza. Il sistema di trazione funziona molto bene sul viscido sia si tratti di fuoristrada sia di strada normale magari dissestata o resa scivolosa dalla pioggia. Sull’allestimento che abbiamo provato gli ADAS erano quelli essenziali: cruise control adattivo, assistenza al mantenimento della corsia frenata e automatica di emergenza.

A cercare ancora un po' il pelo nell’uovo in cabina entra forse un po’ troppo il motore soprattutto quando si viaggia a velocità più alte. Per il resto i 170 CV e i 390 Nm di coppia, anche se gestiti con leva e frizione, semplificano decisamente i passaggi più complessi . 

Quanto costa

La versione provata, L2H2 con EcoBlue da 170 CV trazione AWD e cambio manuale, parte da un listino di 41.700 euro più IVA. L’entry level dei Trail vale a dire la L3H2 a trazione anteriore con motorizzazione 130 CV Mild Hybrid da 37.200 euro, sempre senza iva.

Gallery: Ford Transit Trail, prova su strada