Il Large Van della Casa francese rinnova look e interni potenziando i motori con una versione da 180 CV e spunta il retrovisore virtuale

Lanciato assieme al più compatto Trafic, con il quale forma una coppia inossidabile sin dai primi Anni '80, Renault Master è oggi il modello al vertice dell'offerta di commerciali leggeri è ha contribuito a fare di Renault uno dei Costruttori leader in europa nel segmento dei veicoli professionali. Ponendo anche le basi per un piano che, da qui al 2022, dovrebbe portare la Casa francese al primato mondiale attraverso un incremento delle vendite del 40% rispetto ai dati 2017 e l'aumento della copertura dei mercati dall'attuale 24% fino al 50%. 

Com'è fuori

Pur continuando a sfruttare la stessa base, la medesima su cui è realizzato anche Opel Movano, Renault Master si aggiorna, dunque, nell'aspetto assumendo tratti più conformi al nuovo family feeling del brand: il nuovo frontale è dominato dalla calandra a barre orizzontali affiancata da fari a LED dal profilo interno a C.

Reanult Master Restyling 2019_test

Insieme a Trafic offre poi una nuova tinta carrozzeria battezzata "grigio urbano" che rende particolarmente bene sulle versioni furgonate, le più richieste. L'offerta si articola, come già in precedenza, su due grandi famiglie di versioni, quelle a trazione anteriore e posteriore, le prime con lunghezze comprese tra da 5,08 e 6,23 m e altezze da 2,31 a 2,81 m, le seconde lunghe fino a 6,88 metri e alte fino a 2,81. Più gli immancabili cassonati e telai con cabina singola o doppia. 

Com'è dentro

Una delle armi su cui Renault punta per attaccare la leadership assoluta è proprio l'ambiente interno che si rifà sempre più al mondo automobilistico, ma al tempo stesso incrementa l'attenzione per le esigenze dei lavoratori con nuovi accessori.

Le linee sono, anche qui, orizzontali, semplici, ma con materiali più curati, e mettono in evidenza la consolle centrale con tasti disposti "a pianoforte" (molto di moda specie tra i costruttori francesi), i comandi della climatizzazione, la nuova strumentazione e soprattutto il display a centro plancia con sistema infotainment.

Reanult Master Restyling 2019_test

I livelli di equipaggiamento sono due, Ice e Ice+, con il secondo che aggiunge alla dotazione base cromature interne, fendinebbia, navigatore Media Nav appunto e il pacchetto Easy Life che comprende sedili passeggero con sedute sollevabili, cassetto estraibile ammortizzato e piano di lavoro a scomparsa con portabicchiere.

Inoltre, sempre con l'allestimento top sono inclusi l'assistenza al parcheggio con radar e telecamera di retromarcia e la novità assoluta del Wide View, una seconda telecamera con funzione di specchio retrovisore centrale. Da segnalare anche i vani portaoggetti, che offrono una capienza totale di 105 l più altri 62 nel pozzetto sotto i sedili. Ben posizionati quelli nelle portiere, alti e a portata di mano.

Piacere di guida

I motori Diesel 2.3 biturbo sono aggiornati alle normative Euro 6d e 6d-Temp e con potenze rimodulate di 130, 145 e 165 CV per i modelli a trazione posteriore e da 135, 150 e ben 180 CV per quelle a trazione anteriore, oltre che migliorati nell'efficienza con una riduzione media dei consumi che arriva a far risparmiare fino ad un litro ogni 100 km.

Reanult Master Restyling 2019_test

Il modello provato è il nuovo top di gamma, forte di una coppia di ben 400 Nm a 1.500 giri che consente anche in presenza di carichi medi una buona prontezza e una notevole capacità di ripresa anche in terza marcia a mezzo quasi fermo. La promessa di avvicinare la guidabilità al mondo automobilistico è stata in gran parte mantenuta, i freni sono pronti e potenti e lo sterzo, non troppo demoltiplicato, consente scarti e movimenti addirittura agili malgrado la sagoma imponente.

Reanult Master Restyling 2019_test

Unico dettaglio fastidioso, la corsa lunga del pedale della frizione che “stacca” quasi subito ma costringe ad alzare parecchio la gamba per mettere il piede sinistro in posizione di riposo. Resta disponibile, per le versioni da 150 e 180 CV a trazione anteriore, il cambio automatico a 6 rapporti Quickshift. 

Comfort

Oltre che dal rinnovato ambiente, le sensazioni migliori le regala la presenza di assistenti elettronici, specialmente sull'allestimento Ice+ che dispone di radar, retrocamera e specchietto "virtuale" Wide View. La vista grandangolare di quest'ultimo offre una panoramica assai migliore di quella che si avrebbe con un vero specchietto su un modello vetrato, ma proprio per questo non sarebbe male che il display fosse un pochino più grande e con una definizione migliore.

Reanult Master Restyling 2019_test

Non a caso, in retromarcia si disattiva lasciando il posto alla retrocamera vera e propria visualizzata nel display centrale. Apprezzabile anche la presenza di ADAS come l'avviso di superamento delle linee (privo di intervento attivo sullo sterzo), del monitoraggio degli angoli morti degli specchietti laterali, a cui si aggiungono la frenata automatica d'emergenza a bassa velocità e il controllo di stabilità con compensazione del vento laterale attivo dai 70 km/h in su.

Curiosità

La novità più interessante, introdotta nella primavera di quest'anno sul modello precedente e confermata sul nuovo, è tuttavia la versione elettrica Z.E., pensata per i servizi di consegna urbana. Ha un gruppo propulsore calibrato per offrire un buon compromesso tra prestazioni e praticità, con motore da 57 kW e 225 Nm di coppia e batteria da 33 kWh che assicura un'autonomia minima di 80 km e massima di 120 ma si “accontenta” di 6 ore per una ricarica completa con sorgente da 7,4 kW.

Gallery: Renault Master Z.E.

Quanto costa

La gamma è, come al solito, sconfinata, con ben 350 possibili combinazioni di passo, altezza, allestimento, motore e trasmissione, senza contare le versioni speciali realizzate "su misura" da una rete globale di 400 allestitori di cui ben 24 in Italia. Parlando dei furgoni, la famiglia dei modelli   a trazione anteriore parte da 25.900 euro per il modello L1H1 con motore da 135 CV, mentre la gamma a trazione posteriore parte da 30.600 euro per il modello base da 130 CV, IVA sempre esclusa.

Renault Master dCi 180 Energy Trazione Anteriore

Motore 4 cilindri turbodiesel 2.3 l
Potenza 180 CV
Coppia Massima 400 Nm
Lunghezza Da 5.075 a 6.223 mm
Altezza Da 2.310 a 2.815 metri
Larghezza 2.815 mm con retrovisori
Capacità di carico 1.530 kg
Trasmissione Manuale a 6 rapporti
Velocità Massima 163 km/h
In vendita Settembre 2019
Prezzo base 27.900 euro (più IVA)

Gallery: Renault Master Restyling 2019