Torna, con alcune modifiche, la variante a trazione integrale del large van stellato. Parecchie le novità lato assistenza alla guida.

Non è rimasto molto che i veicoli commerciali abbiano da invidiare a berline e SUV anche perché la condivisione di elementi tecnologici, di comfort e anche una certa attenzione al design sono ormai trasversali ai prodotti dei principali costruttori. Lo dimostra l’ultima generazione di Sprinter, il van di Mercedes, che nella versione a trazione integrale mette in campo quanto di meglio la Casa abbia da offrire, integrando nuove dotazioni di sicurezza e infotainment attinte dalla gamma passeggeri della Stella.

Com’è

Il modello 4x4 non si può confondere: il generoso rialzo delle sospensioni (15 cm per l’asse anteriore, 13 per il posteriore) ne sottolinea il carattere anche senza bisogno di altri elementi come slitte o profili satinati che, quelli sì, si preferisce lasciare ai SUV. Non snatura però le linee
morbide e l’attenzione ai dettagli e alla finitura, decisamente di un altro livello rispetto alla media dei commerciali dei decenni scorsi.

Come per il resto della gamma tuttavia è dentro che si percepisce maggiorente la vicinanza con il mondo delle autovetture: anche a nuova generazione a trazione integrale, infatti, offre il sistema di infotainment avanzato MBUX con comandi vocali di nuova generazione, lo stesso
della Classe A, un grande display “stile tablet” al centro della plancia e una gamma di accessori per il comfort e la sicurezza.

Proprio il settore in cui si registrano più novità: Sprinter ha aggiunto alla lista dei dispositivi per l’assistenza attiva alla guida (che già comprendeva  ad esempio, l’ESP con Crosswind Assist per mantenere la stabilità anche con forte vento laterale) il nuovo Active Brake System per la frenata automatica a bassa velocità, l’antisbandamento ALKA che vigila sul superamento non segnalato delle linee di corsia, in una nuova variante attiva, il cruise control Distronic con Active Distance Assist, il Traffic Sign Assist e l’Attention Assit oltre al monitoraggio del traffico posteriore e nuovi pacchetti di assistenza al parcheggio dotati anche di telecamere perimetrali 360°.

Mercedes Sprinter 4x4

Come va

Guidare un large van sulla neve, e per di più rialzato in modo così rilevante, rischia di mettere un po’ di soggezione. Infatti, i primi metri sulla strada che porta allo spettacolare passo del Rombo (Timmelsjoch), a 2.500 metri sulle alpi tra Italia e Austria, sono cauti, consapevoli di masse e baricentro.

I comandi sono piuttosto semplici, appena due pulsanti a destra del volante per inserire la trazione integrale (che non è permanente ) e il riduttore, tutto il resto è affidato al sistema 4ETS che gestisce la trazione sulle ruote contrastando tramite i freni i pattinamenti su ciascun asse. A questo si abbina un ESP adattativo che modifica i suoi parametri di intervento a trazione inserita e secondo l’aderenza.

Pian piano guadagniamo fiducia perché pur rialzato l’assetto è stabile e lo sterzo offre una notevole sensibilità, mentre il grip offerto dalle gomme invernali ci permette di mantenere un’aderenza ottimale senza pattinamenti anche quando alziamo un po’ l’andatura. Il motore della nostra variante 319 CDI, è il 3.0 V6 turbodiesel Euro 6 da 190 CV (ma si possono avere anche i 4 cilindri 2.2 da 140 e 163 CV) che offre una robusta coppia, 440 Nm, ed è abbinato in questo caso al cambio automatico 7G-tronic opzionale con cui possiamo regolare velocità e freno motore soltanto agendo sulle palette al volante.

Ottimo il raggio di sterzata, che conferisce reale maneggevolezza a un mezzo dagli ingombri non esigui che affronta senza esitazione anche rampe pronunciate. In discesa il ricorso ai freni è limitato ma quando occorre farlo, l’elettronica viene in aiuto contenendo il pericolo di
scivolamento.

Mercedes Sprinter 4x4

Curiosità

La trasmissione, di tipo inseribile, non è la stessa degli altri modelli integrali Mercedes, ma continua è fornita dai precedenti partner anche se ora viene montata direttamente sulle linee di produzione Mercedes e non più esternamente. Anche grazie a questo la gamma di varianti "integralizzabili" è la più ricca di sempre con fino a 1.700 diverse combinazioni. La sigla resta però “4x4”, a differenza di quanto accade al pick-up Classe X che invece ha esteso la sigla “4Matic” anche alle versioni con trazione inseribile di origine Nissan.

Mercedes Sprinter 4x4

Quanto costa

Nel listino la trazione integrale è un optional praticamente per tutti i modelli che nascono a trazione posteriore ad eccezione di quelle con motorizzazione base da 115 CV. Il sovrapprezzo, comprensivo di sistema offroad, elettronica specifica e sospensioni rialzate, è di 11.824 euro che diventano 12.968 per la variante con riduttore. Per un prezzo base (per la versione con solo telaio cabinato) iniziale di poco inferiore ai 45mila euro Iva naturalmente esclusa.

Mercedes Sprinter 319 4x4

Motore V6 3.0 l turbodiesel
Potenza 190 CV
Coppia Massima 440 Nm 1.400-2.400 giri/min.
Consumi 8,4 l/100 km
Emissioni 221 g/km CO2
Prezzo della versione provata 48.890 euro (più IVA)

Gallery: Mercedes-Benz Sprinter 4x4