La Casa nipponica si rilancia nel segmento dei mid van con un veicolo caratterizzato da motori brillanti e da un vano di carico molto razionale

Nissan NV300 è l'erede del Primastar, da lui eredita la parentela con il Renault Trafic e da qust'ultimo la razionalità del vano di carico, la versatilità della cabina e l'efficienza dei motori. Un van nato per la città, ma non per per impieghi leggeri. Più "generoso" rispetto al suo predecessore offre anche una possibile apertura a botola nella paratia divisoria dell’abitacolo per consentire il trasporto di carichi lunghi fino a 4,15 metri. Il volume di carico nella parte posteriore varia tra 5,2 e 8,6 metri cubi. A listino ci sono rifiniture protettive in legno, fari LED sul tetto, paratie dello stesso colore della carrozzeria, anche con vetri, e fino a 20 ganci interni per fissare il carico. Il gancio di traino con aggancio elettrico e Trailer Sway Mitigation (Limitatore Oscillazioni Rimorchio) è fra gli accessori, mentre i retrovisori esterni a visione ampia sono di serie.


UN BUON COMPAGNO DI LAVORO

Alla guida l'NV300 è piacevole, merito dei motori, come detto, 1,6 con turbina a geometria variabile o bi-turbo, che erogaNo in maniera fluida rendendo la marcia intuitiva e quasi rilassante. Contribuisce a questo anche la posizione di guida quasi da monovlume, mentre, a rendere il lavoro meno stancante, la soglia di ingresso bassa così come quella di carico. Per il resto l'attenzione all'utista è evidenziata dalla modularità della cabina che sitrasforma, a seconda delle esigenze in un vero e proprio ufficio mobile. Come il resto della gamma, anche il nuovo modello è accompagnato dalla garanzia di 5 anni o 160mila chilometri, valida anche per tutti gli accessori originali Nissan montati sul veicolo.

Gallery: Nissan NV300 L1 H1 120 CV | Perché comprarlo... e perché no