Prima dell'estate Jean Philippe Imparato, CEO di Alfa Romeo e nuovo responsabile mondiale della Business Unit del gruppo dedicata ai furgoni, lo aveva detto: lo stabilimento di Atessa (Chieti) è un'eccellenza italiana destinata a diventare una fabbrica sempre più strategica a livello globale.

Adesso, dopo la visita di giugno, Imparato è tornato nel sito abbruzzese, insieme a Carlos Tavares, CEO Stellantis, per seguire da vicino l'avvio della produzione dei nuovi furgoni Stellantis di grandi dimensioni i cosiddetti Large Van.

Un lavoro di squadra

Il sito produttivo di Atessa è stato inaugurato nel 1981, dopo due anni di lavori. È nato nell’ambito della joint-venture tra Fiat e PSA-Peugeot Citroen (Sevelsud) e nei suoi oltre 1,2 milioni di metri quadrati vengono prodotti fino a 1.200 veicoli al giorno.

Attualmente le linee di produzione della nuova generazione di furgoni Fiat Professional Ducato, Peugeot Boxer, Citroen Jumper e Opel/Vauxhall Movano sono in fase di ammodernamento e durante la loro visita Tavares e Imparato hanno tenuto a sottolineare che questo impianto europeo di veicoli commerciali leggeri (LCV) è strategico anche grazie alle persone che ci lavorano.

Tavares, CEO Stellantis, e Imparato, Head of Pro One Business Unit di Stellantis, nello stabilimento Stellantis di Atessa

Tavares, CEO Stellantis, e Imparato, Head of Pro One Business Unit di Stellantis, nello stabilimento Stellantis di Atessa

"Grazie alle competenze e all'impegno dei dipendenti di Atessa, con i quali voglio congratularmi, il sito produttivo continuerà a svolgere un ruolo centrale nel nostro piano strategico Dare Forward 2030, con il quale puntiamo a diventare leader nel mercato degli LCV a livello mondiale, in termini di tecnologia, produzione, quota di mercato e redditività Per certi versi, la storia di Stellantis è iniziata qui quasi-mezzo secolo fa, costruendo insieme in Italia i migliori furgoni del mercato",

ha detto Carlos Tavares di fronte ai dipendenti.

Obiettivi ambiziosi

In 40 anni ad Atessa sono stati prodotti più di 7,3 milioni di veicoli, venduti in oltre 75 Paesi nel mondo, e oggi, con il settore dei veicoli commerciali che rappresenta un terzo dei ricavi netti di Stellantis (1,72 milioni di unità vendute nel 2023) l'impianto è parte integrante della strategia Pro One.

Ad Atessa, infatti, viene prodotta la maggior parte dei Large Van, che rappresentano il 30% di tutte le vendite di van e, inoltre, è l'unico sito Stellantis al mondo a produrre e fornire la base camper per i veicoli ricreazionali in cui il marchio Fiat Professional è tra i leader in Europa con una quota di mercato del 30%.

Lo stabilimento Stellantis di Atessa

Lo stabilimento Stellantis di Atessaè stato inaugurato nel 1981 dopo due anni di lavori

Lo stabilimento Stellantis di Atessa

Lo stabilimento Stellantis di Atessa oggi

"Con Pro One vogliamo far leva sulla nostra indiscussa leadership nel settore dei veicoli commerciali, basata sul concetto di 'sei marchi, una sola forza', che rappresenta un forte pilastro che rappresenta un terzo dei ricavi netti di Stellantis",

ha ricordato Imparato.

Tra gli obiettivi, ricordiamo, ci sono il raddoppio dei ricavi netti dalle vendite di veicoli commerciali entro il 2030, rispetto al 2021, nonché il raggiungimento di un mix di vendite di veicoli elettrici (EV) pari al 40% e la realizzazione di 5 miliardi di euro di ricavi dai servizi connessi.

Gallery: Lo stabilimento Stellantis di Atessa