Avere un'immagine fortemente legata all'avanguardia nella ricerca della sicurezza è oggi importante per i costruttori almeno quanto la reputazione in termini di robustezza e affidabilità. E per essere sempre un passo avanti nelle tecnologie che possono render epiù sicura la circolazione, occorrono sforzi continui e importanti

Il Gruppo Daimler Truck, che di recente ha annunciato nuove evoluzioni dei suoi sistemi attivi tra cui la frenata automatica nel traffico o il rilevamento di ostacoli, pedoni ,ciclisti intorno ai veicoli, dedica a questo interi team di progettisti e tester e un centro prove dedicato a Worth più altre risorse nei suoi centri in Spagna, Finlandia e Giappone. Ma come lavorano queste squadre di esperti, tecnici e collaudatori?

I segreti della "prima squadra"

Stephan Reichle, team leader per i test e l'applicazione dei sistemi di assistenza alla guida, e i suoi dipendenti Timo Wolf, Marc Weiss e Marcus Grejner raccontano il loro lavoro in un'intervista. Che inizia proprio con l'ABC:

Chi sei e quali sono esattamente i tuoi compiti?

"Sono team leader a Worth - inizia Stephan Reichle - e responsabile dell'applicazione e validazione dei nostri sistemi di assistenza alla guida. Nella divisione Truck Technology siamo responsabili dello sviluppo software globale per tutti i marchi del gruppo, ciò significa non solo Mercedes-Benz Trucks, ma anche Freightliner, Fuso e Daimler Buses".

In termini semplici, stiamo sviluppando una piattaforma tecnologica che verrà installata su tutti i nostri veicoli, indipendentemente dalla marca del veicolo. Oltre al mio team, ci supportano nell'esecuzione dei nostri test anche reparti legati all'officina e fornitori di servizi esterni, ad esempio per la salvaguardia dell'ambiente sulle strade pubbliche".

Marcus Grejner specifica: "Faccio parte del team di Stephan Reichle e lì sono responsabile del test e della convalida dell'Active Sideguard Assist per Mercedes-Benz Actros e Arocs. Effettuiamo test basati sui casi d'uso, li valutiamo e ricaviamo opzioni di ottimizzazione in base ai risultati".

Timo Wolf invece: "Mi occupo delle applicazioni del radar a lungo raggio dell'Active Brake Assist e dell'Active Cruise Control. Come Marcus, il mio compito consiste in test basati sui casi d'uso sulla pista di prova, in particolare per quanto riguarda il radar a lungo raggio e l'Active Brake Assist. Testiamo anche l'Active Cruise Control sulla pista di prova, ma principalmente su strade pubbliche."

Marc Weiss: "Nel team di Stephan sono responsabile del test riproducibile e della validazione delle funzioni attive di assistenza alla guida. Concretamente ciò significa che stiamo sviluppando procedure di guida basate su scenari, ad esempio con l'aiuto di manichini mobili controllati da GPS. Ciò ci consente di testare le nostre funzioni in modo sistematico e riproducibile. Anche lo sviluppo tecnologico di apparecchiature di prova in collaborazione con i produttori rientra nella mia area di responsabilità".

 I nuovi Adas di Mercedes al collaudo a Worth

I nuovi Adas di Mercedes al collaudo a Worth

Per simulare situazioni con ciclisti, motociclisti e pedoni si usano manichini, invece per i veicoli?

Marc: "Utilizziamo sia manichini che veicoli reali. Per le manovre critiche non possiamo utilizzare veicoli reali per non mettere a repentaglio la sicurezza dei conducenti – e sarebbe troppo costoso in caso di incidente. In questo caso utilizziamo le cosiddette auto a palloncino o puzzle. Ma se la situazione del test lo consente, utilizziamo anche veicoli reali".

Dove eseguite principalmente i test?

Marcus: "Usiamo la pista di prova nell'EVZ a Wörth oppure svolgiamo parzialmente i test anche su altri siti di prova esterni se abbiamo bisogno di più spazio o di altre condizioni quadro".

Stephan: "In inverno giriamo spesso su piste di prova in Spagna perché lì il tempo è più stabile che in Germania e quindi possiamo testare in modo riproducibile. Ciò significa che possiamo ripetere i test più e più volte e quindi dimostrare, in caso di eventuali errori, che questi non sono causati dalla configurazione del test, ma dal comportamento del sistema. Sulla base dei risultati, il sistema di assistenza può quindi essere ottimizzato per funzionare in futuro nel modo più efficiente e senza errori possibile nei veicoli dei clienti."

 I nuovi Adas di Mercedes al collaudo a Worth

Perché testate anche su strade pubbliche?

Stephan: "I sensori dei sistemi di assistenza alla guida si basano sull'interazione con l'ambiente reale. Ecco perché catturiamo numerose situazioni sulle strade pubbliche che ci permettono di valutare i nostri sistemi. Il sistema risponde correttamente? No, reagisce troppo presto? Oppure se il sistema ha rilevato qualcosa e lo ha attivato brevemente anche se non sarebbe stato necessario un avvertimento o una frenata – lo chiamiamo “falso positivo”.

"Sulle piste di prova, invece, stressiamo i sistemi fino ai limiti fisici e oltre per renderli quanto più sicuri ed efficienti possibile. Qui controlliamo le prestazioni dei sistemi. Se il sistema non ha rilevato un ostacolo o non lo ha rilevato in tempo, allora si parla di “falso negativo” che è il contrario".

Timo: "Ovviamente non lasciamo mai che i nostri veicoli entrino in una situazione pericolosa nel traffico reale. Un test su un vero pedone, come facciamo con i nostri manichini, non viene mai effettuato su strade pubbliche".

 I nuovi Adas di Mercedes al collaudo a Worth

Quali sono le sfide del vostro lavoro?

Stephan: "I cicli e i tempi di sviluppo rappresentano una sfida importante. Nel settore dei sistemi di assistenza alla guida verranno introdotte regolarmente nuove funzioni: i tempi sono molto serrati per implementare tutto in modo completo. Tutti noi portiamo dentro di noi la visione di una guida senza incidenti, che vogliamo realizzare nonostante tutte le sfide!"

 I nuovi Adas di Mercedes al collaudo a Worth

Cosa ti piace di più del tuo lavoro?

Marcus: "La collegialità e la coesione nel team, nonché la buona collaborazione con altri colleghi che ci supportano dal workshop, per esempio."

Marc: "Il nostro campo di lavoro molto vario è per me il punto forte".

Timo: "Nel nostro lavoro non stiamo solo seduti in ufficio, ma andiamo spesso in viaggio, sperimentiamo dal vivo i sistemi di assistenza e possiamo osservare i progressi compiuti dai sistemi fino alla produzione in serie".

Stephan: "Per me il punto forte del mio lavoro è poter dare ogni giorno il mio contributo al raggiungimento dell'obiettivo di una guida senza incidenti. Poiché disponiamo sempre dei più recenti sistemi di sicurezza sui nostri camion di serie, il nostro obiettivo è garantire che funzionino al meglio su tutti i nostri veicoli".

"L'aspetto positivo dei nostri compiti è anche che facciamo parte di una rete di sviluppo globale e quindi lavoriamo a livello internazionale con tutti i colleghi di Daimler Truck Development in tutto il mondo. Ad esempio, effettuiamo regolarmente prove anche negli Stati Uniti, a Portland e Madras, così come i colleghi di Daimler Truck North America spesso effettuano prove in Europa. Questo ci aiuta a riconoscere tempestivamente le condizioni specifiche del veicolo e a tenerne conto nello sviluppo del sistema".

Gallery: I nuovi ADAS di Mercedes al collaudo a Worth