Dopo il lancio di Grenadier, ormai ufficialmente in commercio, il brand britannico Ineos introdurrà un secondo modello 4x4 interamente elettrico. Lo ha annunciato la Casa stessa confermando l'accordo con il colosso Steyr che curerà la produzione nel suo impianto super-flessibile di Graz, dove è stata realizzata la preserie di Grenadier poi proseguita nella fabbrica ex-smart di Hombach.

Il nuovo fuoristrada a zero emissioni, in arrivo per il 2026, diventerà dunque il terzo modello Ineos: attualmente, infatti, la Casa inglese è in attesa di aggiungere al modello wagon, che si può avere come autovettura passeggeri e autocarro, un Grenadier Pick-up. Tuttavia, nel caso dell'elettrico non è ancora stato specificato se la gamma includerà le stesse opzioni.

Offroad vero, ma dal comfort garantito

Il processo di sviluppo di questo nuovo modello 4X4 includerà un rigoroso programma di test sul Monte Schöckl, che si trova vicino all'impianto di assemblaggio e che rappresenta già un'area prova per l'autentico mito del fuoristrada come Mercedes Classe G.

Lynn Calder, CEO di Ineos Automotive, afferma:

“Questo è un momento entusiasmante per INEOS Automotive. Il nostro nuovissimo 4X4 elettrico sarà a emissioni zero offrendo ai clienti eccezionali capacità fuoristrada, senza compromettere il comfort o le prestazioni su strada”.

Magna prenderà parte, come menzionato, all'intero percorso creativo, mettendo la sua notevole esperienza nell'ingegnerizzazione e nella messa in produzione di veicoli spesso anche molto diversi tra loro.

Il suo portfolio spazia appunto da modelli di impostazione classica come il veterano Mercedes Classe G a elettriche di nuova concezione come ad esempio Jaguar i-Pace e il SUV Fisker Ocean, che nella versione per i mercati europei esce appunto dal versatile impianto di Graz, all'avanguardia e in grado di sostenere piccole produzioni con processi quasi artigianali e altre di volumi più consistenti.

Gallery: Ineos Grenadier: la prova del 4x4 fatto alla VECCHIA maniera