Con l'ottava tappa, che ha concluso la prima fase della Dakar 2023 lasciando ai piloti un meritato giorno di riposo, Nasser Al-Attiya ha confermato di avere tutti i numeri e tutte le intenzioni di rimanere campione della categoria T1+.

Il qatariota ha vinto, dopo la prima, anche la quinta e sesta tappa, colto il secondo posto nell'ottava e gestito le altre con distacchi contenuti al di là della posizione in classifica, prendendo il comando della classifica generale già alla terza tappa e terminando la fase 1 con un vantaggio finale di oltre un'ora sugli inseguitori, che sono i compagni di team dell'equipaggio sudafricano Lategan-Cummings.

A caldo

Complice la poca fortuna toccata al team Audi Sport relegato nei meandri della classifica dopo gli incidenti occorsi ai Piloti Peterhansel e Sainz, il team Toyota Gazoo Racing domina la graduatoria, considerando che il terzo equipaggio, composto da De Villiers e Murphy, è attualmente terzo assoluto, a soli 12 minuti e 14 secondi da Sebastien Loeb che appare uno dei pochi in grado di impensierire la squadra a bordo dei nuovi Hilux GR Dakar. 

Toyota Hilux GR Dakar 2023

Per Lategan-Cummings l'ottava tappa ha confermato il secondo posto generale

Proprio De Villiers e Murphy si sono mantenuti in scia nonostante abbiano subito più degli altri le ingiurie della pista. Il campione sudafricano dopo l'ottava tappa ha commentato: 

"La fortuna non sembra essere dalla nostra parte quest'anno, e non possiamo mettere insieme due giorni buoni al momento. Oggi abbiamo dovuto fare 240 km senza gomme di scorta. Dopo 80 km abbiamo avuto la nostra prima foratura, altri 30 km ed è arrivata la seconda. Da lì siamo andati in modalità sopravvivenza fino al traguardo".

Toyota Hilux GR Dakar 2023

Il Toyota Hilux GR Dakar di De Villiers-Murphy

Per il Team Manager del team TGR, Glyn Hall, i risulati sono comunque nel  complesso esaltanti:

"Se qualcuno mi avesse detto prima della gara che avremmo avuto tutte e tre le nostre vetture nella Top 5 al Rest Day, sarei stato un uomo molto felice. Ora questa è la nostra realtà, e devo pizzicarmi per assicurarmi di non sognare. Ci sono ancora sei tappe da percorrere, compresa la Maratona, quindi non possiamo rilassarci affatto. La Dakar non è mai finita e abbiamo molto rispetto per le tappe che ci attendono".

Gallery: Foto - Il team Toyota Gazoo Racing alla Dakar 2023