Due navette senza conducente si stanno muovendo nel normale traffico urbano di Torino. Possono rilevare in tempo reale gli ostacoli - che siano auto, bici o persone - e seguono il loro percorso per trasportare chi deve spostarsi in città. E' il primo servizio pubblico a guida autonoma sperimentato in Italia ed è partito il 9 agosto, però fino ad ottobre i normali cittadini non possono usufruirne.

Da ottobre 2022 a marzo 2023, invece, chiunque potrà salirci e gratis, prenotando con l’app auTOnomo GTT, disponibile prossimamente per dispositivi Android e iOS. In questo periodo, le due navette saranno in servizio sei ore durante i giorni feriali (dalle 12:30 alle 18:30) e quattro ore durante i giorni festivi e pre-festivi (dalle 15 alle 19).

Come sono fatte

Le due navette a guida autonoma sono state presentate il 14 luglio a Torino, presso il deposito GTT Nizza, e sono state realizzate da Navya nell’ambito di SHOW, un progetto finanziato dall’Unione Europea all’interno del programma Horizon 2020 che mira a supportare la transizione verso un trasporto urbano sostenibile con flotte di veicoli a guida autonoma.

Ciascuna navetta può ospitare fino a 14 passeggeri (11 posti a sedere e 3 in piedi) ed è accessibile anche alle persone con disabilità. Inoltre, come da normativa, un operatore GTT sarà sempre presente a bordo per fornire l’assistenza necessaria.

Il percorso

Il percorso sperimentale è di circa 2 km ed è allestito (attraverso specifica segnaletica) nella zona degli ospedali cittadini (ex Molinette, Sant’Anna, CTO, più recentemente denominati complesso Città della Salute e della Scienza).

Per circa tre settimane, a cavallo tra ottobre e novembre 2022, gli shuttle circoleranno anche lungo un percorso autorizzato in una zona più a sud (tra via Valenza, via Ventimiglia, corso Maroncelli e via Genova) per testare alcuni casi d’uso.

Entro la fine dell'anno le navette Navya dovrebbero arrivare anche a Roma.

Gallery: Navya Autonom Shuttle