Dal 13 al 19 giugno in tutta Europa scendono in strada milioni di agenti dei comparti di Polizia Stradale, nell’ambito del progetto “European Roads Policing Network” di Roadpol, il network internazionale di comunicazione tra le Polizie Stradali.

Un progetto che ha come obiettivo quello di implementare la sicurezza stradale. A tal proposito passeranno al controllo tantissimi camion, bus e mezzi pesanti che quotidianamente percorrono le autostrade del Vecchio Continente, incluse quelle svizzere, quelle serbe e quelle turche.

Un nome, una garanzia

Non si tratta della prima volta per questo ambizioso progetto. Lo scorso anno nello stesso periodo aveva visto un cospicuo dispiegamento di agenti in tutta Europa con il fulcro per l'Italia nella Regione Sardegna e la sua SS 131, meglio conosciuta come Dorsale Centrale. La stessa strada sarà la protagonista dei controlli di quest'anno, affiancata dalle lunghe strade dei dintorni di Ravenna, dove la Polizia Stradale ha già annunciato di aver predisposto un piano dedicato.

Traffico Autostrada
Traffico Autostrada

I controlli effettuati dagli agenti saranno incentrati sulla verifica dello stato psicofisico dei conducenti, sul rispetto dei limiti di velocità, sul rispetto della normativa ADR riguardo il trasporto delle merci pericolose e altre verifiche generali sul rispetto delle normative europee in ambito di trasporto merci o passeggeri.

In campo scenderanno anche gli speciali semirimorchi della motorizzazione, che, qualora gli agenti lo riterranno opportuno, potranno funzionare anche da postazione mobile di revisione straordinaria, presso alcune tra le aree di servizio più grandi del nostro Paese.

Per gli autisti

Tra i tanti obiettivi della campagna emerge sicuramente quello della verifica dello stato psicofisico degli autotrasportatori; un aspetto fondamentale da considerare quando si è sulla strada che, molto spesso, può fare la differenza in situazioni di emergenza, di soccorso o di pericolo.