La conversione di vecchi autobus in camper personalizzati, non di rado usati come abitazioni principali, non è una novità. Negli ultimi anni però il fenomeno è notevolmente cresciuto in popolarità, anche se raramente abbiamo visto trasformazioni fai-da-te realizzate con un uso così creativo del legno come rivestimento per gli interni completi come quello nelle immagini  per l'intero interno.

Secondo il video pubblicato sul canale FLORB su YouTube, Clint Lewing ha acquistato qualche anno fa per 8.500 dollari (circa 7.500 euro al cambio odierno) il vecchio autobus MCI del 1977, utilizzato per servizi a noleggio, proprio con l'intenzione di farne un motorhome. A convincerlo, il fatto che fosse già dotato di generatore e inverter integrati e che, essendo un ex autobus "charter" e non uno scuolabus, oltre alle molte finestre avesse anche ampi vani inferiori.

Splendente fuori, caldo dentro

Clint ha fatto le cose in grande già all'esterno, sulla carrozzeria in alluminio lucidato e decorato, ma è dentro che ha reso il mezzo qualcosa di straordinario: nel video egli stesso afferma di non essere un falegname professionista, ma il pavimento, il soffitto e persino gran parte dei mobili in vari tipi di legno tagliato, modellato e rifinito a mano sembrano l'opera di un professionista.

Il rivestimento in alto nella zona giorno è stato realizzato con un kit per creare modelli astratti, riempiendo poi gli spazi vuoti con resina epossidica colorata, estesa anche al tavolo in noce massiccio e nel bancone della cucina. Lo stesso tema continua nel bagno e nella camera da letto. Letteralmente un'opera d'arte in cui abitare.

Anche l'orecchio vuole la sua parte

All'estetica si abbinano accessori tecnologici, non ultima una TV a schermo piatto da 55 pollici ad alta definizione che si alza elettricamente da un alloggiamento personalizzato. Due amplificatori da 1.500 watt e uno stuolo di altoparlanti forniscono intrattenimento sonoro, e il sistema elettrico del bus ha una potenza sufficiente per far durare la festa per mesi. Il generatore è collegato al serbatoio del carburante da circa 550 litri dell'autobus che può caricare 10 batterie ad alta densità. Lewing afferma di essere andato avanti 10 mesi prima di doverle ricaricare.

 

La cosa è abbastanza impressionante considerando che sul tetto non ci sono pannelli solari bensì un terrazzo. La scala vicino alla parte posteriore dell'autobus porta infatti gli occupanti al ponte superiore, che è letteralmente un ponte di legno esteso quale per l'intera superficie del tetto. Uno spazio all'aperto per grigliare o prendere il sole, caratteristica molto appropriata per questo capolavoro automobilistico decorato in legno.

Inestimabile

Quanto è costata l'intera trasformazione? Clint Lewing non dichiara una cifra specifica, ma dice che considera i 3 anni occorsi per completarlo come l'investimento più importante. Dunque, se c'è una base di verità nel vecchio adagio secondo cui "il tempo è denaro", allora questo bellissimo autobus non ha davvero prezzo...