Al Salone di Monaco, o IAA Mobility 2021, Volkswagen ha portato più novità per il settore commerciale di quanto si potrebbe pensare: oltre al primo prototipo di ID. Buzz a guida autonoma, infatti, qualcosa che promette di riguardare il mondo del trasporto commerciale arriva anche dalla reginetta dello stand, la concept car ID.Life con cui la Casa mostra quale sarà l'evoluzione in basso della gamma ID.

La concept, che ha le forme di un'utilitaria-crossover, anticipa infatti le caratteristiche salienti della prossima ID.2,  il modello con cui Volkswagen intende ampliare la sua offensiva elettrica ai segmenti più popolari senza trascurare l'ambito utilitaristico, attesa per il 2025 e con un prezzo che la Casa promette di contenere entro i 20.000 euro.

Avanti tutta

La ID.Life nasce su una variante compattata della piattaforma flessibile MEB che concentra in dimensioni ridotte un interessante potenziale: lunga 4,10 metri, larga 1,80  alta 1,60 misure analoghe a quelle di una T-Cross, con passo di 2,65 metri, utilizza una batteria da 57 kWh abbinata ad un motore capace di ben 172 kW/234 CV.

Quest'ultimo, a differenza di tuti i modelli del Gruppo Volkswagen basati sulla MEB visti finora, che sono a trazione posteriore o integrale, è montato anteriormente e lascia dunque libera la zona posteriore allo scopo di massimizzare lo spazio, cosa che apre a numerose possibilità.

Dunque, oltre a un'autonomia di ben 400 km, la piccola annuncia anche un volume di carico che va da 410 a 1.285 litri e interni particolarmente flessibili, grazie ai sedili ribaltabili che possono trasformarsi in un letto di 2 metri.

Il comunicato stampa originale accenna a una "cargo version" che massimizza lo spazio di carico. Si riferisce alla configurazione con i sedili completamente abbattuti, che "sgombra" gli interni mettendo a disposizione una lunghezza utile interna fino a 2,25 metri, ma al tempo stesso suggerisce la possibilità di una destinazione commerciale per il modello definitivo che avrebbe in effetti spazi davvero considerevoli da sfruttare rispetto alle comuni utilitarie/van.

VW ID.LIFE (2021)
VW ID.LIFE (2021)
VW ID.LIFE (2021)

Debutta il Vehicle to Grid

La flessibilità non caratterizza soltanto gli interni: il sistema di ricarica gestisce potenze fino a 150 kW, consentendo di accumulare energia per oltre 160 km in appena 10 minuti, ed è dotata di tecnologia bidirezionale che permette lo scambio di energia tra il veicolo e la rete, pubblica o domestica, come quella recentemente introdotta da Ford con il nuovo F-150 Lightining.

La futura ID.2, che come già accennato Volkswagen annuncia per il 2025, potrebbe quindi andare a completare anche la gamma dei commerciali legger: una ipotetica variante Van andrebbe a posizionarsi nella fascia di mercato di Renault Zoe e Dacia Spring.

Gallery: Volkswagen ID.Life Concept 2021