I due Brand si uniscono alla Commercial Japan Partnership per lo sviluppo anche nei minivan di tecnologie a guida elettrica e autonoma

Suzuki Motor Corporation e Daihatsu Motor Co., Ltd. hanno annunciato di aver aderito oggi al progetto Commercial Japan Partnership (CJP) con i loro mini-veicoli commerciali,per accelerare le loro iniziative di riduzione delle emissioni di CO2 attraverso la diffusione delle tecnologie e dei servizi CASE (Connected cars, Autonomous/Automated driving, Shared, and Electric.

Come parte della loro partecipazione al progetto, Suzuki e Daihatsu acquisiranno ciascuna il 10% delle azioni emesse di Commercial Japan Partnership Technologies, la joint venture per l'iniziativa CJP, da Toyota Motor Corporation (Toyota).

Necessario un accordo fra costruttori

Di fatto quindi si crea un accordo fra tre dei principali costruttori nipponici su un tema quello della transizione ecologica che ora includa anche i mini-veicoli commerciali. I mini-veicoli, in cui Suzuki e Daihatsu sono ai vertici come produzione e qualità, rappresentano circa 31 milioni dei circa 78 milioni di veicoli posseduti in Giappone e servono come un'ancora di salvezza essenziale nella vita quotidiana delle persone, specialmente nelle aree rurali.

Gallery: Toyota, il progetto della città sostenibile

Inoltre, i mini-veicoli commerciali coprono aree a loro accessibili grazie delle loro dimensioni e supportano in maniera massiccia la logistica dell'ultimo miglio. Sebbene i mini-veicoli possano svolgere un ruolo importante nella realizzazione di una società carbon-neutral e nella diffusione delle tecnologie e dei servizi CASE, in questa epoca di profonda trasformazione, sono molti i problemi che i produttori di miniveicoli non sono in grado di risolvere da soli.

Il progetto CJP

CJP è stato lanciato nell'aprile di quest'anno per accelerare l'implementazione e la diffusione nella società delle tecnologie e dei servizi CASE combinando le basi commerciali coltivate da Isuzu Motors Limited e Hino Motors Limited con le tecnologie CASE di Toyota, aiutando ad affrontare varie sfide delll'industria dei trasporti e contribuire al raggiungimento di una società a emissioni zero.

L'espansione di CJP per includere i mini-veicoli con la partecipazione di Suzuki e Daihatsu consentirà la promozione di una migliore efficienza della logistica integrata che spazia dai grandi camion ai mini-veicoli commerciali. Questa nuova collaborazione mira anche a diffondere tecnologie di sicurezza avanzate a prezzi accessibili ed elettrificazione per mini-veicoli sfruttando la forza di Suzuki e Daihatsu nella produzione di alta qualità a basso costo e le tecnologie CASE di Toyota.

Gallery: Toyota - Kenworth, un camion a celle a combustibile