Volta Trucks ha risposto al piano del governo britannico invitandolo a bloccare i camion endotermici prima della data prevista del 2040

Invocare tempi più brevi per il divieto di circolazione ai camion con motore tradizionale può sembrare una posizione molto opportunistica quando a farlo è una startup che produce camion elettrici. Tuttavia, dietro la richiesta di Volta Trucks in risposta al piano di decarbonizzazione appena approvato dal governo britannico ci sono osservazioni condivisibili, almeno in parte.

Il Regno Unito ha infatti fissato per il 2040 la data in cui vietare del tutto la circolazione di mezzi pesanti con motore endotermico, nella probabile consapevolezza del fatto che la transizione non potrà avvenire in tempi troppo rapidi specie considerando che andrà sostenuta, almeno all'inizio, da incentivi e nel lungo periodo da piani per le infrastrutture.

Prima è meglio è...

Nel comunicato diffuso da Volta Trucks, l'azienda sottolinea come pur rappresentando appena il 2% del traffico veicolare, i camion con motore a scoppio siano responsabili di circa il 22% delle emissioni di CO2 attribuibili al trasporto su gomma. Una percentuale che, dice sempre la nota, crescerà ma mano che le automobili elettriche, al cui diffusione si presume sarà più rapida, sostituiranno quelle tradizionali.

Indubbiamente è un'argomentazione un po' di comodo, così come lo è il confronto con il piano francese che ha previsto di escludere l'accesso a Parigi e d altre grandi città ai veicoli endotermici già dalla fine del 2023, che appare al contrario un limite un po' troppo repentino, in cui giocherà un ruolo fondamentale l'intervento statale non soltanto economico per favorire la transizione elettrica.

Tuttavia, il 2040 appare un traguardo molto lontano considerando che nella maggior parte dei Paesi del mondo si prevede di arrivarci comunque entro questo decennio o per il 2035 al massimo.

L'amministratore delegato di Volta Trucks, Essa Al-Saleh, ha dichiarato; “La pubblicazione del piano di decarbonizzazione dei trasporti del governo del Regno Unito è benvenuta perché offre agli operatori di flotte e agli acquirenti britannici un livello di certezza che in precedenza non esisteva. Detto questo, mancano quasi 20 anni al divieto dei camion con motore a combustione interna entro il 2040, e l'emergenza climatica di oggi non può aspettare".

Prototipo di telaio marciante Volta Zero

La soluzione per il corto raggio

L'interesse di Volta Trucks è concentrato proprio sull'ambito urbano, applicazione a cui si rivolge Volta Zero, il camion elettrico che recentemente è stato mostrato staticamente a stampa e potenziali clienti anche in Italia, e si propone come una soluzione per il corto raggio efficace per combattere l'inquinamento dove esso si concentra maggiormente.

I test operativi con aziende partner inizieranno il prossimo anno proprio a Londra e Parigi e sempre entro il 2022 è previsto l'inizio della produzione. Insomma, Volta Trucks sarebbe pronta per il 2023, resta da capire se lo saranno anche le città.

Gallery: Volta Zero