Il polo strategico del Mediterraneo si converte alla logistica sostenibile con l’ingresso nell’associazione degli operatori del settore

L’alleanza del Freight Leaders Council (FLC), associazione che da trent’anni promuove e supporta il ruolo della logistica sostenibile, si arricchisce di un nuovo e prestigioso operatore, l’Interporto Toscano Amerigo Vespucci. L'ingresso dell'azienda nell'associazione contribuirà alla crescita di servizi innovativi e soluzioni energetiche sostenibili ed efficienti. Queste le parole, in sintesi, del presidente dell’Interporto Rocco Guido Nastasi.

Quest’ultimo, insieme al vicino Porto di Livorno, si trova al centro delle principali rotte del Mediterraneo ed è inserito all’interno di un sistema infrastrutturale che collega la Toscana all’Europa. Con la sua estensione su 3 milioni di metri quadri, un terminal ferroviario di 130mila metri quadri adatto al trasporto e alla movimentazione dei container, presenta grandi possibilità di sviluppo in termini di intermodalità e innovazione nella filiera logistica italiana.

Rilancio grazie ai fondi europei

Il Governo Italiano, attraverso il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), stanzierà 4 miliardi di euro di fondi per lo sviluppo delle infrastrutture portuali. Una cifra mai investita precedentemente che servirà a modernizzare, rendendolo maggiormente attrattivo e competitivo in campo internazionale, il sistema logistico italiano.

Si tratta di un settore fondamentale dal punto di vista commerciale che, prima dell'arrivo della pandemia tra il 2000 e il 2018, ha visto raddoppiare il flusso di merci scambiate a livello globale.

Gallery: Interporto Toscano Amerigo Vespucci

Insieme per la sostenibilità

L’Interporto Toscano con l’ingresso nel FLC si aggiunge ad altri dieci importanti aziende che hanno scelto di aderire all'associazione negli ultimi 10 mesi. Si tratta di realtà importanti come Poste Italiane, Chep Italia, Malpensa Intermodale, Fercam, Fit Consulting, Futura Srl, HERE Technologies, Interporto Bologna e Interporto Puglia.

FLC è una libera associazione, nata a Milano nel 1991, privata, apartitica e senza scopi di lucro  di cui fanno parte tutta la catena di operatori della supply chain, dai produttori fino ai distributori dell’ultimo miglio. Gli obiettivi di un’alleanza sempre più ampia sono la sostenibilità ambientale e sociale, l’innovazione e la transizione digitale.

Gallery: Poste Italiane