Presentato il nuovo people mover tedesco con cui si apre la settima generazione dei mid van. Il Transporter resta 6.1 e arriva ID. Buzz

Un Volkswagen Multivan diverso da tutti gli altri Multivan ma nello stesso tempo portatore del DNA che in tutti questi anni ha contraddistinto quello che per tutti è: il Bulli vale a dire il van per il trasporto persone per antonomasia. Sono dunque molte le “prime volte” di questa Settima generazione. È il primo Bulli con un sistema di trazione ibrido plug-in e con il cambio automatico DSG disponibile di serie.

Per la prima volta potrà essere guidato in modalità semiautomatica tramite IQ.DRIVE Travel Assist. Ma il nuovo Multivan è anche fino al 25% più leggero con i singoli sedili posteriori che possono essere disposti in modo variabile tramite un nuovo sistema di binari e con il nuovo tavolino dell'abitacolo che può essere spostato tra tutte le file di sedili. speriscono leva del cambio e freno a mano creando più spazio per guidatore e passeggero anteriore. Il lancio è previsto nella seconda metà dell'anno con versioni standard e a passo lungo lungo.

Non cambia il Transporter

 Il nuovo Bulli è per la prima volta basato sulla piattaforma MQB. In termini tecnici si tratta di un salto di qualità. La dimostrazione è la trasmissione ibrida plug-in che anche se per brevi tratti lo trasforma in un veicolo a zero emissioni. Sistemi di assistenza e infotainment di ultima generazioni arrivano per la prima volta su questo modello che però non ha smarrito le sue origini e che è subito identificabile come successore del leggendario "T1".

Volkswagen Veicoli Commerciali con questo lancio annuncia anche il passaggio a una nuova era. È un decennio che è sarà definito dall'elettrificazione multilivello delle trazioni e l'inizio della guida automatizzata. In questo contesto, la gamma "Bulli" si divide in tre pilastri: il Multivan, il Transporter 6.1 e l’ID. Buzz la cui produzione inizierà a pieno regime nel 2022. Transporter 6.1, Caravelle e California resteranno specialisti del trasporto professionale e camping a cui si affiancherà il segmento elettrico ID.BUZZ MPV e il furgone ID.BUZZ Cargo.

Ibrido plug-in e quasi autonomo

Il Multivan con trazione ibrida plug-in ha il nome suffisso "eHybrid" e una potenza della combinazione motore elettrico/turbo benzina di 218 CV. Grazie a una batteria agli ioni di litio da 13 kWh, il Multivan può percorrere poco meno di 50 km in modalità totalmente elettrica: si avvia di default con il motore a batterie e solo a una velocità di oltre 130 km/h entra in gioco il TSI. Parallelamente alla versione ibrida saranno disponibili due motori turbo benzina a 4 cilindri a quattro cilindri da 136 e 204 CV e dal prossimo anno un TDI da 150 CV.

2022 Volkswagen T7 Multivan teaser

Tutte le versioni accoppiate di serie a un cambio a doppia frizione (DSG). Il DSG a 6 marce di eHybrid è un cambio sviluppato appositamente per il sistema di trazione ibrida plug-in e forma un tutt'uno con il motore elettrico. Il il cambio utilizzato per le versioni TSI e il successivo TDI è un DSG a 7 marce. Per la prima volta nel Multivan, la selezione della marcia avviene esclusivamente  “by wire”  tramite un piccolo pulsante di selezione in plancia.

Volkswagen Multivan T7

Il numero di sistemi di assistenza sul nuovo Multivan è stato notevolmente aumentato fino ad arrivare a 20 a seconda delle specifiche. Di serie: Car2X (sistema di allarme locale), il monitoraggio dell'area anteriore comprensivo di City Emergency Braking, il Dynamic Road Sign Display, il sistema di mantenimento della corsia e il cruise control. I nuovi sistemi includono l’IQ.DRIVE Travel Assist che facilita la guida semiautomatica da 0 a 210 km/h e fondendo il nuovo Adaptive Cruise Control con il Lane Assist attivo.

Design e tecnologia interattiva

Mettere mano a un classico come il multivan non deve essere stato facile, ma i designer Volkswagen Veicoli commerciali sono andati sul sicuro attingendo a piene mani da un passato lungo 70 anni. Ecco dunque riaffiorare le linee del T3 (la prima generazione di Multivan) unita con il muso del T4 con il cofano proteso in avanti sotto il parabrezza. Rispetto al suo predecessore, la versione base è ora più lunga e più larga, scende invece l’altezza. Nel dettaglio il nuovo Multivan è largo 1.941 mm, lungo 4.973 mm e alto fino a 1.903 mm, la versione "lunga" arriva a 5.173 mm da paraurti a paraurti

Volkswagen Multivan T7

Multivan è stato anche tecnicamente ripensato. È, ad esempio, ora possibile aprire il portellone posteriore a comando elettrico tramite comandi gestuali come il movimento del piede sotto la carrozzeria, la stessa cosa si può fare anche con le porte scorrevoli laterali all'interno, oltre che tramite i rispettivi interruttori a maniglia, possono anche essere aperti e chiusi tramite pulsanti sul cruscotto a destra dell'infotainment. Un'altra nuova caratteristica per il Multivan si presenta sotto forma di tecnologia interattiva come gli abbaglianti LED Matrix con  Dynamic Light Assist e Cornering Lights.

Sedili singoli e nuove guide di scorrimento

Oltre al design, ai nuovi sistemi propulsivi e alla tecnologia per la sicurezza l'attenzione si è concentrata anche sull'evoluzione della leggendaria versatilità su cui questo genere di veicoli puntano sin dal primo T3 Multivan dell'85. Multivan passa definitivamente alle poltrone singole ribaltabili e asportabili anche per la terza fila, eliminando del tutto la panca unica. 

Volkswagen Multivan T7

Allo stesso tempo, i nuovi sedili singoli della seconda e terza fila sono stati alleggeriti per poter essere spostati meglio e soprattutto, è stato rinnovato il sistema dei binari che ha guide uniche estese dal retro fino alla seconda fila, che consentirà di spostare a piacimento i sedili per tutta la lunghezza interna. E questo vale anche per il il tavolino centrale, un must dal 1985 ora reso in questo modo ancora più pratico e funzionale.

Da console a tavolo mobile

Una delle ultime novità a bordo del Multivan presentata da Volkswagen è il tavolo multifunzione che può traslare dalla prima alla terza fila di sedili grazie a un sistema di binari installato sul pavimento piatto del T7 e può essere alzato tramite un semplice tasto.

Volkswagen Multivan T7

Quando non è in uso, le due metà pieghevoli insieme al regolatore di altezza vengono ritratte per massimizzare lo spazio interno. Nel caso in cui si avesse la necessità di caricare oggetti più lunghi, il tavolo può essere rimosso per aumentare lo spazio di carico tra i sedili.

Gallery: Volkswagen Multivan T7 2022