Il confronto è però con il 2020. L'italia è il mercato che è cresciuto di più, sia in Aprile sia nel primo quarto

Ogni tanto uno sguardo a quello che succede fuori dai nostri confini in termini di mercato dei veicoli commerciali non famale darlo; ed ecco quindi i numeri che ACEA l’Associazione Europea fra i Costruttori Automotive ha diffuso per il mese di Aprile e per il primo quadrimestre 2021 e che riguardano tutti i veicoli professionali, sia sotto sia sopra le 3,5 tonnellate, compresi i bus.

Consideriamo anche che diversamente da quanto fatto per il mesi di Marzo a Aprile 2021 da UNRAE che ha paragonato, in Italia, il 2021 con il 2019, il confronto in UE è sempre con il 2020, in un periodo in cui le vendite, anche in UE, si sono praticamente azzerate, un fattore da tenere in conto nell'analizzare i dati.

Bene il primo quadrimestre dell'anno

Parlando del primo quadrimestre dall'inizio del 2021, la domanda di nuovi veicoli commerciali nell'Unione europea è aumentata del 42,1%. Spinte dai risultati positivi di marzo e aprile (sempre rispetto al 2020), le immatricolazioni totali hanno raggiunto finora le 673.179 unità. Tutti i principali mercati hanno consolidato le loro performance dall'inizio dell'anno: l'Italia ha registrato il maggior incremento percentuale (+ 75,1%), seguita da Francia (+ 62,9%), Spagna (+ 43,8%) e Germania (+ 15,1%).

Aprile 2021 - Tutti i Professionali

Aprile, una crescita a tre cifre

Nell'aprile 2021, dunque il mercato dei veicoli professionali nell’UE ha registrato un aumento del 179,2%, per un totale di 171.283 unità. La base di vendita molto bassa dello scorso anno è stata la ragione principale di questo dato, proprio il mese di aprile 2020 è stato il primo con tutte le restrizioni complete per arginare la pandemia di Covid-19.

Di conseguenza, il mese scorso sono stati registrate crescite a tre cifre in molti mercati della regione, inclusi tre dei quattro principali: Italia (+ 642,3%), Spagna (+ 547,3%) e Francia (+ 412,9%). Con un aumento del 60,0%, anche la Germania ha dato un contributo considerevole alla performance complessiva dell'UE.

UE Aprile 2021 - Leggeri

Boom dei furgoni

Aprile 2021 ha visto un enorme aumento (+ 209,5%) delle vendite di nuovi furgoni nell'UE, contando 143.185 unità immatricolate in totale. Questo trend di crescita si è riflesso a livello nazionale anche nei quattro maggiori mercati: Italia (+ 972,1%), Spagna (+ 771,0%), Francia (+ 471,2%) e Germania (+ 70,8%).

I Quadrimestre 2021 - Leggeri

Da Gennaio ad Aprile 2021, le immatricolazioni di veicoli commerciali leggeri nell'Unione Europea sono aumentate del 45,9% a causa dei buoni risultati registrati a marzo e aprile. Ciascuno dei principali mercati dell'UE ha registrato un forte aumento della domanda di furgoni nel quadrimestre: Italia (+ 83,7%), Francia (+ 67,5%), Spagna (+ 47,9%) e Germania (+ 16,5%).

UE Aprile 2021 - Pesanti

In crescita anche gli over 3,5

Ad aprile, nell'UE sono stati immatricolati 26.256 nuovi camion, l'86,3% in più rispetto a un anno fa. L'Europa centrale ha fornito un forte impulso (+ 188,7%) a questa crescita, con la Polonia, uno dei mercati leader in termini di volume, che ha registrato un aumento del 241,2% delle nuove immatricolazioni di autocarri. Anche i maggiori mercati dell'Europa occidentale hanno registrato una buona performance lo scorso mese: Italia (+ 170,7%), Francia (+ 163,2%), Spagna (+ 95,5%) e Germania (+ 32,6%).

I Quadrimestre 2021 - Pesanti

Durante i primi quattro mesi del 2021, le immatricolazioni UE di nuovi camion sono aumentate del 28,5% rispetto all'anno precedente. L'Italia ha registrato la crescita percentuale più elevata (+ 46,0%) dei mercati chiave della regione, seguita da Francia (+ 32,4%), Spagna (+ 25,3%) e Germania (+ 12,7%).

Scaricate qui i dati completi dei singoli mercati  

Bene, ma non benissimo i Bus

Nell'aprile 2021 le immatricolazioni di nuovi autobus e pullman nell'Unione Europea sono aumentate dell'86,4%, raggiungendo le 1.842 unità vendute. I quattro principali mercati dell'UE hanno tutti contribuito positivamente al risultato della regione, in particolare Francia e Spagna (entrambi in crescita del 103,6%).

Da Gennaio ad Aprile 2021, la domanda UE di autobus e pullman è rimasta in territorio negativo (-1,2%) nonostante i numeri forti del mese scorso. Guardando ai maggiori mercati in volume, la Spagna (-26,5%) ha registrato il calo più netto, mentre le flessioni si sono moderate in Italia (-9,7%) e Germania (-8,8%). Al contrario, la Francia è stato l'unico grande mercato a registrare una crescita record (+ 11,2%) finora nel 2021.