Un totale di 1,6 miliardi di euro da investire in ricerca e sviluppo sulla mobilità elettrica entro il 2025 questi sono i piani di Traino il gruppo che riunisce i Brand Scania, MAN, Volkswagen Camion e Rio.

L' annuncio è stato dato dal Ceo della Compagnia Matthias Gründler: "Traton si concentra chiaramente sui camion elettrici. Questa transizione non avverrà dall'oggi al domani. Sarà graduale, sostenibile e in linea con l'espansione della rete richiesta. Se non c'è infrastruttura di ricarica, non funzionerà".

D'accordo in Volkswagen

La stessa linea è stata ribadita anche dal Ceo del Gruppo Volkswagen di cui Traton a sua volta è parte che, con una serie di tweet, ha ribadito l’impegno della Casa tedesca nella mobilità elettrica in tutti i settori. I tweet hanno anche rivelato il progetti futuri del brand nel segmento commerciali leggeri e pesanti: elettrico ed idrogeno per alcune nicchie.

 

Traton aumenta dunque l’impegno nell’elettrificazione nel periodo fino al 2025, Inizialmente pianificato un investimento di 1 miliardo di euro portato ora a 1,6. Allo stesso tempo sta ridimensionando gli impegni in trazioni convenzionali affinché questi rappresentino meno di un quinto dello sviluppo del suo prodotto nel 2025. Ciò significa che a quel tempo la quota di sviluppo del prodotto dedicato alla mobilità elettrica sarà raddoppiata.

MAN-Lions-City-E-04

Si muovono i brand

I marchi del Gruppo hanno già fissato obiettivi concreti per il 2025 e il 2030: i veicoli elettrici rappresenteranno circa il 10% delle vendite di unità europee di Scania nel 2025, con la metà dei nuovi autobus MAN dotati anche di un sistema di trazione elettrica entro la stessa data. Entro il 2030, un veicolo su due venduto da Scania sarà alimentato elettricamente e almeno il 60% dei camion per le consegne di MAN e il 40% dei suoi camion a lungo raggio saranno a emissioni zero.

SCANIA-NXT-022

Batterie o fuel cell?

Quando si tratta di trasmissioni alternative, l'obiettivo principale di Traton è concentrato sui veicoli elettrici a batteria. Tuttavia, la tecnologia dell'idrogeno potrebbe benissimo avere successo nelle nicchie. Nella maggior parte dei casi, i camion elettrici puri supereranno le loro controparti a idrogeno come la soluzione più economica ed ecologica, in particolare per il lungo raggio.

 


 "Questo perché rispetto ai camion elettrici alimentati da sole batterie, i camion a idrogeno hanno un grosso inconveniente: solo un quarto della produzione di energia viene utilizzato per alimentare il veicolo, gli altri tre quarti persi lungo il percorso dalla fonte di energia al strada. Questo è il contrario per i camion elettrici ", ha spiegato Matthias Gründler, Ceo di traton.

VW-CO-e-Delivery-05

Batterie più economiche, idrogeno più green

Si sente spesso dire che i camion a idrogeno siano adatti per il lungo raggio e i camion elettrici appannaggio delle applicazioni a corto raggio. Per quanto riguarda Matthias Gründler, questo non corrisponde a verità. La sua opinione è, invece, che la redditività di un camion elettrico e l'ammortamento delle sue batterie si riducano a un uso costante e intenso, come nel trasporto pesante a lungo raggio. 

Traton innovation da presented vehicles

Detto questo, è probabile che anche i veicoli pesanti a idrogeno prendano piede sul mercato nei prossimi dieci anni. Un esempio sono gli autobus a lungo raggio, le cui brevi soste lungo il percorso non sono sufficienti per caricarli a sufficienza. Inoltre, i camion a idrogeno possono anche svolgere un ruolo nelle regioni in cui l'idrogeno verde è particolarmente economico, ad esempio vicino ai parchi eolici del Mare del Nord o nei porti. 

Gallery: Il futuro elettrico di Traton