Dopo i commerciali, l'ex-Gruppo PSA lancia le varianti autovettura dei suoi compatti a batteria versatili, confortevoli e green

Continua il processo di elettrificazione dei modelli dell'ex-Gruppo PSA, ora Stellantis. Dopo aver presentato a gennaio le versioni 100% elettriche dei veicoli commerciali compatti ovvero e-Partner e Combo-e Cargo, Peugeot e Opel lanciano l’offensiva nel mercato “green” delle multispazio con i modelli e-Rifter e Combo-e Life.

Due vetture praticamente uguali dal punto di vista estetico e meccanico che differiscono tra loro per alcuni elementi tecnologici. L'arrivo effettivo sul mercato è previsto per l'autunno.

Spazio a bordo notevole

Peugeot e-Rifter e l’Opel Combo-e Life offrono due diverse lunghezze di carrozzeria: Standard da 4,40 metri e Long/XL da 4,75 metri, entrambe a disposizione con cinque o sette posti a sedere. La forma squadrata della carrozzeria consente di avere un’ottima abitabilità interna e uno spazio a bordo notevole.

Gallery: Opel Combo-e Life

La capacità del bagagliaio di Combo-e Life, ad esempio, può variare da 597 a 2.693 litri nella versione XL mentre quella di e-Rifter sale a 775 litri ma può arrivare fino a 4.000 litri con i sedili ripiegati nella versione lunga.

136 CV e 280 km di autonomia

Realizzati entrambi sulla piattaforma EMP2 del Gruppo PSA, i due modelli sono equipaggiati con un motore elettrico da 100 kW (136 CV) e 260 Nm di coppia massima posizionato sull’asse anteriore che garantisce uno 0-100 km/h in 11,2 secondi, una velocità massima limitata elettronicamente a 130 km/h e una capacità di traino di 750 kg.

Fucile elettronico Peugeot

Ad alimentare il powertrain 100% elettrico ci pensa una batteria agli ioni di litio composta da 216 celle suddivise in 18 moduli e posizionata sotto il pianale tra l’asse anteriore e quello posteriore. La capacità della batteria da 50 kWh consente di percorrere fino a 280 chilometri con un solo “pieno” di energia.

La ricarica può essere effettuata in corrente alternata attraverso il caricabatterie di bordo monofase da 7,4 kW e quello trifase in optional da 11 kW oppure in corrente continua DC fino ad un massimo di 100 kW. La ricarica tramite le colonnine fast charge permette di raggiungere l’80% della carica in soli 30 minuti.

i-Cockpit sull’e-Rifter

Una delle differenze principali tra le due vetture è proprio la possibilità di dotare il Peugeot e-Rifter con l’i-Cockpit, il quadro strumenti digitale da 10 pollici. Per il resto anche l’interno propone una struttura molto simile. Nella parte centrale a sbalzo trova posto lo schermo del sistema di infotainment da 8 pollici, compatibile di serie con Apple CarPlay e AndroidAuto.

Gallery: Peugeot e-Rifter

Scendendo più in basso nel tunnel molto inclinato si trovano il selettore del cambio automatico “e-toggle” e della modalità di guida che permette di gestire l’efficienza e le performance del powertrain elettrico in base alle condizioni di guida.

Tutti e due i modelli, inoltre, propongono il meglio della tecnologia per quanto riguarda i sistemi di assistenza alla guida. Sono presenti, infatti, il cruise control adattivo, l’avviso di superamento involontario della linea di carreggiata, la frenata automatica d’emergenza, il sistema che controlla la stanchezza del guidatore, il sistema di monitoraggio dell’angolo cieco e il sistema di controllo della stabilità del rimorchio.