H2 Accelerate. Tre costruttori e due compagnie di distribuzione si uniscono per rendere possibile l'idrogeno sui camion in Europa

L’idrogeno piace ai costruttori di veicoli pesanti. Otre alle collaborazioni bilaterali che hanno visto Daimler e Volvo Group impegnarsi per lo sviluppo di veicoli e infrastrutture con tecnologia a celle a combustibile e Iveco sviluppare con Nikola una serie di prodotti elettrici e a idrogeno, è arrivato il momento di una collaborazione molto più ampia.

Iveco, Daimler Truck AG, OMV, Shell e Volvo Group hanno annunciato l’impegno a collaborare, con l’obiettivo di creare le condizioni per introdurre nel mercato di massa europeo camion alimentati a idrogeno. Un impegno, dunque, che non riguarda solo costruttori, ma coinvolge anche distributori di combustibile e le relative infrastrutture.

Gallery: Mercedes GenH2, il fuel cell pesante della Stella

Il progetto H2Accelerate

Il progetto prende il nome di H2Accelerate e trae spunto dal fatto che un numero sempre crescente di governi e aziende condivide una visione comune in termini di sistema energetico a zero emissioni, i partner coinvolti credono quindi nell’idrogeno quale combustibile fondamentale per la completa decarbonizzazione del settore dei truck.

H2 Accelerate è un accordo di collaborazione, in base al quale i partecipanti si impegnano per: 

  • Cercare supporto e finanziamenti pubblici da destinare ai primi progetti pre-commerciali, in modo da attivare il percorso verso l’introduzione sul mercato di massa; 
  • Informare in merito alla fattibilità dal punto di vista tecnico e commerciale dei trasporti a idrogeno su larga scala;  
  • Discutere con i decisori politici e le autorità di controllo, per favorire politiche in grado di supportare un’attivazione rapida e sostenibile del mercato del trasporto a lungo raggio a zero emissioni. 

Una nuova economia

Con una diffusione su larga scala di camion alimentati a idrogeno ci si aspetta quindi anche la nascita di nuove realtà industriali: stabilimenti di produzione di idrogeno a zero emissioni di carbonio, sistemi di distribuzione dell’idrogeno su larga scala, una rete di stazioni di rifornimento ad alta capacità per idrogeno liquido e gassoso e la produzione di truck alimentati a idrogeno.

I partecipanti ad H2A ritengono che investimenti sincronizzati nel settore durante tutto il prossimo decennio creeranno le condizioni per l’introduzione nel mercato di massa di mezzi pesanti a idrogeno presupposto necessario per soddisfare l’ambizione europea di raggiungere l’obiettivo della neutralità climatica entro il 2050.

Gallery: Nikola TRE

Le fasi H2Accelerate

Fase 1, prima metà anni 2020. Introduzione delle prime stazioni di rifornimento e truck:

  • Circa 100 veicoli
  • > 20 stazioni di rifornimento a elevata capacità
  • Omologazione dei concept di stazione a elevata capacità

Fase 2, seconda meta anni 2020. Copertura a livello europeo 

  • Nella seconda metà del 2020 raggiungimento di un volume produttivo di migliaia di veicoli all’anno
  • Rapido raggiungimento delle 10mila unità di veicoli a idrogeno
  • Copertura dei principali corridoi europei con le stazioni di rifornimento
  • Realizzazione di stazioni ad alta capacità e affidabilità

Gallery: Volvo Trucks, elettrificazione gamma pesante

Serve il sostegno del settore pubblico

Il sostegno del settore pubblico sarà fondamentale durante la fase di espansione. Nell’ambito di H2Accelerate, i partecipanti collaboreranno per cercare fondi da destinare ai primi progetti commerciali durante la prima fase di roll-out.

In parallelo, si relazioneranno con decisori politici e autorità di controllo per incoraggiare un contesto politico che contribuisca a sostenere il conseguente aumento di scala verso una produzione in serie di camion a idrogeno e la creazione di una rete europea di stazioni di rifornimento per l’idrogeno a zero emissioni di carbonio.

Gallery: Joint-venture Daimler Volvo per le fuel cell