La famiglia Crafter si riunisce a Września: dopo due anni di produzione differita, con la gamma classica affidata allo stabilimento polacco e la variante elettrica a quello tedesco di Hannover, Volkswagen annuncia ora lo spostamento dell'assemblaggio dell'e-Crafter in Polonia

Si tratta di un trasferimento programmato e preparato da lungo tempo con un progressivo adeguamento delle linee produttive e oltre 2.000 sessioni di specifica formazione e aggiornamento del personale predisposte in tre anni per adeguare le competenze in fatto di componenti elettriche ad alto voltaggio.

Gallery: Stabilimento Crafter Polonia

Impianto all'avanguardia

Come ha ricordato Dietmar Mnich, Presidente del Consiglio di Amministrazione di Volkswagen Poznań, la filiale polacca del colosso tedesco: “Lo stabilimento di Września è una delle fabbriche di automobili più moderne a livello globale. Dal 2016, vale a dire dalla sua messa in funzione, ci impegniamo a favore di uno sviluppo continuo delle nostre competenze".

Gallery: Volkswagen e-Crafter anteprima italiana

E Poznan è pronta per il nuovo Caddy

Mentre a Września si completano i preparativi per Crafter elettrico, nell'altra fabbrica polacca di Volkswagen, quella di Poznan dedicata ai commerciali leggeri, sono terminati i lavori di ampliamento per accogliere la costruzione della nuova generazione di Caddy,  un modello rinnovato a fondo anche nei contenuti tecnologici che rappresenta un'altra rivoluzione per la fabbrica stessa.

Gallery: Volkswagen, la fabbrica di Poznan

Più spazio per tutti

Il lavori sono stati condotti in due fasi: una prima con l'integrazione di due parti dello stabilimento precedentemente separate da una strada pubblica e una seconda che ha visto la costruzione di un nuovo capannone con area di stoccaggio di 46.000 metri quadri per i componenti di Caddy e Transporter T6 che renderà più efficiente la logistica. Inoltre, è stato ampliato il reparto carrozzeria, portato a 14mila metri quadri e dotato di 450 nuovi robot.