Sebbene durante il punto più critico della recente emergenza sanitaria il settore dei trasporti sembrava fosse ancora uno dei pochi a non aver risentito della chiusura, il nuovo studio condotto da Verizon Connect Reveal negli Stati Uniti e in alcuni paesi europei e da Visirun, spin-off italiana, nel nostro Paese ha evidenziato dati allarmanti anche nel trasporto su ruote durante i mesi di lockdown.

Ora, con la riapertura totale si va verso un miglioramento generale della situazione con le ore passate alla guida che stanno tornando piano piano sui valori registrati in periodo pre emergenza sanitaria. Ecco l'analisi della situazione.

Gallery: Flotte, le offerte dei privati per la gestione e dei veicoli

In Europa peggio che negli USA

Per effettuare l’indagine, la piattaforma di gestione delle flotte Verizon Connect Reveal ha preso in considerazione il numero di chilometri percorsi tra il 18 febbraio 2020 e il 5 maggio 2020. I dati hanno dimostrato come nei paesi europei considerati ci sia stata una diminuzione maggiore nel trasporto su ruote rispetto a quella fatta registrare negli USA con contrazioni di oltre il 50% in Francia, Gran Bretagna e Spagna.

Andando più nel dettaglio, tra il 18 febbraio e il 7 aprile, il traffico medio giornaliero in Europa è passato da 145.000 a meno di 100.000 veicoli mentre in USA è sceso da 635.000 a 575.000 veicoli. La differenza tra Europa e USA è alta anche nella percentuale di gestori di flotte che hanno visto il fermo di più della metà dei veicoli: 24% per il Vecchio Continente e solo l’8% per gli Stati Uniti e nella percentuale del numero di flotte che hanno registrato una riduzione delle ore alla guida superiore al 50%: +50% vs 22%.

I dati così differenti possono essere riconducibili sia ad un traffico medio giornaliero americano normalmente maggiore rispetto a quello europeo sia al fatto che il coronavirus abbia raggiunto gli USA in un periodo leggermente successivo.

La riduzione Paese per Paese

Francia -57,6%

Gran Bretagna -54,6%

Spagna -54,4%

Irlanda -40,6%

Portogallo -39,3%

Italia -38,8%

USA -17%

Germania -11,3% 

Gallery: Coronavirus, code al Brennero per i controlli

Segnali di ripresa

I dati registrati a partire dal 5 maggio dimostrano che il settore dei trasporti si sta riprendendo con le percentuali di contrazione che stanno diminuendo notevolmente. I paesi europei che si stanno risollevando più velocemente sono la Francia passata da -58% a +57% e la Germania da -11% a + 0,84% seguiti dagli altri che mostrano segnali positivi sebbene con percentuali ancora negative.