La commissione Trasporti del Parlamento UE approva le decisioni del Consiglio. Ultima votazione a Luglio poi si passa all'applicazione

La Commissione Trasporti e turismo presso il Parlamento Europeo ha  approvato l'accordo raggiunto fra i ministri dell'UE su una delle più importanti riforme del trasporto su strada degli ultimi tempi. Un accordo provvisorio era già stato raggiunto tra la Presidenza del Consiglio e il Parlamento Europeo nel dicembre 2019. La Commissione parlamentare ha sostenuto per la prima volta l'accordo con i ministri dell'UE il 21 gennaio. Il Consiglio ha adottato la riforma il 7 aprile.

Fra le norme che sono state riviste quella del distacco degli autisti in altri paesi UE, i tempi di riposo dei conducenti e le norme che regolano il cabotaggio (ovvero il trasporto di merci effettuato da trasportatori non residenti su base temporanea in uno Stato membro ospitante); con l’obbiettivo a porre fine alla distorsione della concorrenza. È stato introdotto inoltre l’obbligo anche per i furgoni oltre le 2,5 t di MTT che fanno "internazionale" dell’uso del tachigrafo digitale.

Prossimi appuntamenti

I prossimi passi prevedono la votazione sull’intero pacchetto da parte del Parlamento nella sessione di luglio. Le nuove regole saranno considerate adottate se nessun emendamento viene votato a maggioranza assoluta a favore (almeno 353 voti).

Le norme sul distacco si applicheranno 18 mesi dopo l'entrata in vigore dell'atto. Le regole sui tempi di riposo, incluso il ritorno dei conducenti a casa, si applicheranno 20 giorni dopo la pubblicazione dell'atto. Le norme sul ritorno dei camion e altre modifiche alle regole di accesso al mercato si applicheranno 18 mesi dopo l'entrata in vigore della legge sull'accesso al mercato.

Migliori condizioni di lavoro per i conducenti

Le nuove regole aiuteranno a garantire dunque migliori condizioni di riposo per i conducenti e consentiranno loro di trascorrere più tempo a casa.

  • Le aziende dovranno organizzare i loro orari in modo che gli autisti di linea internazionale di merci possano tornare a casa a intervalli regolari (ogni tre o quattro settimane a seconda dell'orario di lavoro).
  • Il periodo di riposo obbligatorio alla fine della settimana, noto come riposo settimanale regolare, non può essere preso nella cabina del camion. Se questo periodo di riposo avviene lontano da casa, l’azienda deve pagare le spese di alloggio.

Concorrenza più equa e lotta alle pratiche illegali

  • I tachigrafi dei veicoli saranno utilizzati per registrare i passaggi di frontiera al fine di contrastare le frodi.
  • I limiti esistenti al cabotaggio rimangono gli stessi (tre operazioni entro sette giorni).
  • Per prevenire il cabotaggio sistematico ci sarà un periodo di pausa di quattro giorni prima che più operazioni di cabotaggio possano essere eseguite nello stesso paese con lo stesso veicolo.
  • Per combattere la pratica di aziende "fantasma", le imprese di autotrasporto dovranno svolgere attività sostanziali nello Stato membro in cui sono registrate.
  • Le nuove regole richiederanno inoltre che i camion tornino al centro operativo della compagnia ogni otto settimane.
  • Dato che i furgoni sono sempre più utilizzati anche per il trasporto internazionale, l'utilizzo di veicoli commerciali leggeri di oltre 2,5 tonnellate sarà anche soggetto alle norme UE per gli operatori dei trasporti, incluso l’utilizzo del tachigrafo digitale.

Regole chiare sul distacco dei driver

Le nuove norme sul distacco degli autisti forniranno un quadro giuridico chiaro per prevenire approcci nazionali diversi e garantire una remunerazione equa per i conducenti.

Le regole di registrazione si applicheranno al cabotaggio e alle operazioni di trasporto internazionale, ad esclusione del transito, delle operazioni bilaterali e delle operazioni bilaterali con un carico o uno scarico in più per direzione (possono essere sommati: ad esempio nessuno in uscita e due sulla tratta di ritorno).