Due case history fotografano abbastanza fedelmente come uomini e mezzi delle aziende italiane hanno affrontato affrontano l'emergenza

I veicoli MAN sono fra i protagonisti questo periodo in cui l’Italia sta combattendo contro la pandemia di Coronavirus e in cui i trasporti non si sono potuti arrestare per garantire l’approvvigionamento di beni di prima necessità e ora in questa Fase 2 hanno il compito di sostenere la ripartenza di molte imprese.

Due su tutte si sono affidate ai veicoli del Leone la Battagin Trasporti, specializzata nella filiera alimentare del freddo, e la Cantieri Bonatti S.p.A. una vera e propria impresa internazionale che ha scelto i nuovi TGE per il trasferimento del personale sui  cantieri di lavoro. Due “case history"che dimostrano l’impegno sia delle imprese di casa nostra sia di MAN nel sostenerle.

L'alimentare soffre ma non crolla

La flotta della Battaglin Trasporti Srl si compone di una quarantina di veicoli, per la maggior parte di gamma media, quindi MAN TGL e TGM, ma ci sono anche alcuni carri MAN TGS e cinque trattori MAN TGX con relativi semirimorchi; tutti dotati di box isotermici.

L’azienda padovana, Battagin come detto è specializzata in trasporti a temperatura controllata per l’industria alimentare. Anche e sopratutto per questo non si è mai fermata un giorno. La filiera alimentare del freddo, in cui sono specializzati, è fondamentale per garantire i rifornimenti alla grande distribuzione organizzata (GDO), ma anche ai piccoli negozi al dettaglio.

Nonostante la grande distribuzione e i piccoli negozi di prossimità hanno comunque mantenuto se non aumentato i volumi il calo dei carichi è stato dell’ordine del 30% questo perché mese scolastiche e aziendali sono comunque ancora chiuse. La difficoltà maggiore è stata quindi per Battagin quella di far viaggiare i camion a volti anche parzialmente vuoti specie nei ritorni.

Regole sanitarie già applicate

Da un punto di vista strettamente operativo sul fronte della sanificazione dei veicoli è cambiato poco visto che le norme HACCP che regolano la temperatura delle celle frigorifere e la loro pulizia dopo ogni viaggio sono in vigore da tempo. Aumentata, invece, l’attenzione verso gli autisti e la cabina del camion che viene regolarmente sanificata dopo ogni viaggio, mentre al conducente vengono fornite tutte le protezioni individuali (mascherina e guanti usa e getta) e gli viene controllata la temperatura corporea all’inizio di ogni giornata di lavoro.

 

 

 

Diversa la situazione di Bonatti S.p.A. un general contractor internazionale, specializzata nell’offrire servizi di ingegneria, costruzione, gestione e manutenzione impianti e oleodotti per l’industria dell’oil&gas and power. Un settore altrettanto strategico specie in una situazione di emergenza mondiale come quella che stiamo vivendo, ma che ha esigenze differenti in termini di veicoli di servizio.

 

Bonatti, infatti, si affida a Man TGE per svolgere le attività nei cantieri distribuiti in 4 continenti in particolare parliamo di TGE 3.140 4x4 con doppia cabina utilizzati per gestire il trasferimento del proprio personale e dei materiali i luoghi di lavoro. Il Man TGE nella versione 4x4 è infatti ideale per la cantieristica.

 

Il veicolo a trazione integrale è equipaggiato con una frizione lamellare a controllo elettronico Haldex che ripartisce automaticamente la coppia motrice tra l’asse anteriore e posteriore. In caso di slittamento sulle ruote anteriori o sulla base di altri parametri rilevati dai sensori del veicolo,  è possibile indirizzare in modo continuo dallo 0% al 100% della coppia motrice sull'assale posteriore. che in condizioni normali è tutta sulle ruote anteriori questa soluzione,  influisce positivamente anche sulla sicurezza di marcia. grazie a un tempo di reazione molto rapido, una maggiore precisione, una struttura più compatta e un peso ridotto.

Gallery: MAN Case History