Esce dallo stabilimento tedesco il primo large van elettrico della Stella. Due le opzioni di autonomia 115 e 170 km

Prima si può dire che abbia creato un segmento e poi si è occupato di stravolgerlo. Stiamo parlando del Mercedes Sprinter che dal 12 dicembre 2019 funziona anche completamente a batterie. In questa data, infatti, lo stabilimento Mercedes-Benz di Düsseldorf ha celebrato l'inizio della produzione dell'eSprinter Mercedes-Benz.

Lo stabilimento tedesco è da sempre la casa dello Sprinter. A oggi sono stati prodotti a Dusseldorf oltre 4,6 milioni di veicoli. Dal 2018, anno d'introduzione della nuova generazione, sono oltre 200mila le unità che hanno già lasciato la catena di montaggio.

Gallery: Mercedes Vito eSprinter, winter test

Una strategia a lungo termine

Negli ultimi anni, già prima della produzione del nuovo Sprinter e delle nuove varianti del sistema di trasmissione, Mercedes-Benz Vans ha investito un totale di circa 330 milioni di euro nell'espansione tecnica della produzione, tenendo conto del fatto che, in futuro, la produzione di veicoli convenzionali e completamente elettrici sarà costruita su un'unica linea di produzione.

eVito ed eSprinter test drive

Il tutto a vantaggio della flessibilità e della capacità di andare incontro alle richieste del mercato, un aspetto fondamentale nei segmento dei large van. A oggi oltre 2.400 dipendenti sono stati formati per la gestione e l'assemblaggio delle tecnologie ad alta tensione.

Produzione sostenibile

Mercedes-Benz Vans punta sulla sostenibilità non solo dei prodotti, ma anche del ciclo produttivo. L'obiettivo è rendere carbon neutral la produzione di furgoni entro il 2022. A tal fine sono state avviate varie misure nell'ambito della cosiddetta strategia di produzione verde.

Mercedes eSprinter test invernali

Entro il 2022 l’energia dovrà provenire solo da fonti rinnovabili al 100 percento.  Attualmente a Dusseldorf vengono implementati nuovi sistemi di mobilità. Inoltre, dal 2012 lo stabilimento  è già diventato “senza carta” e fa sempre più affidamento su veicoli a celle a combustibile a guida automatica.

Fino a 170 km di autonomia

L’eSprinter è destinato a coprire il più ampio raggio di utilizzo possibile nella mobilità urbana. Di conseguenza, inizialmente viene offerto come furgone con tetto alto e un PTT di 3.500 kg. Il suo volume di carico massimo è di 10,5 metri cubi:lo stesso dello Sprinter a motore endotermico. La trazione è affidata alle ruote anteriori una potenza di 85 kW e un valore di coppia fino a 300 Nm.

eVito ed eSprinter test drive

Il cliente può scegliere fra tre o quattro elementi di batteria. Quella massima da 55 kWh, ha un’autonomia stimata a 168 km e 891 kg di portata. La seconda opzione utilizza tre unità di batteria con una capacità di 35 kWh che consentono un'autonomia di circa 115 km. Aumenta però il carico utile a circa 1.040 kg. La ricarica rapida integrata ripristina l’80 percento della batteria entro 30 minuti. La velocità massima può essere pre-impostata  a 80, 100 o120 km/h.

Gallery: Inizia la produzione di eSprinter a Dusseldorf