Il mid van del Blitz si arricchisce di versioni e configurazioni fra cui la trazione 100% elettrica a partire dal 2020

Arrivano anche le prime foto dell’Opel Vivaro elettrico il mid van del Blitz che si chiamerà Vivaro-e. Si comincia a completare dunque il lineup degli elettrificati del gruppo PSA, dopo il Jumpy e prima delll’expert. Opel Vivaro-e sarà offerto anche in due capacità di batteria quella da 50kWh per un raggio fino a 200 km e quella da 75kWh per un massimo di 300 km secondo il ciclo di omologazione WLTP1. Anche Vivaro-e si basa sulla piattaforma EMP2 che consente l'uso di propulsori sia convenzionali ed elettrificati il prossimo LCV elettrico, Opel Combo-e, arriverà nel 2021.

La terza generazione

Con Opel Vivaro-e, il Marchio tedesco continuerà una storia iniziata con la prima generazione del veicolo nel 2001. Il primo Vivaro è stata offerto fino al 2014, principalmente come bus navetta, furgone e cabinato, di questa generazione Opel ha venduto più di 650mila esemplari. Nel 2014 è stata introdotta la seconda generazione, di cui Opel ha venduto circa 310mila veicoli fino alla metà di quest'anno.

Opel Vivaro-e

La terza generazione, costruita su piattaforma PSA è disponibile in tre lunghezze (4,60, 4,95 e 5,30 m). Rispetto al suo predecessore, ha anche un carico utile superiore di 200 kg (fino a 1.400 chilogrammi) e può tirare mezza tonnellata in più (carico del rimorchio fino a 2.500 kg). La maggior parte delle versioni del nuovo Vivaro sono alte fino a 1,90 m e possono quindi accedere ai parcheggi sotterranei.

Più comfort

Anche il comfort per guidatore e passeggeri è aumentato. Sono disponibili come optional numerose tecnologie e sistemi di assistenza, dal controllo adattivo della trazione IntelliGrip, alla telecamera posteriore per la visione panoramica a 180 gradi, fino all'infotainment multimediale. Oltre a caratteristiche come porte scorrevoli controllate da sensori e il sistema di caricamento FlexCargo.

Gallery: Nuovo Opel Vivaro