Le sinergie esistenti e passate nei veicoli commerciali hanno, in parte, anticipato la futura unione dei due gruppi

La nascita di uno dei più grandi gruppi automobilistici mondiali, alla luce delle ultime notizie ufficiali avrà sicurametne ripercussioni anche sul segmento dei veicoli commerciali. Anzi, se vogliamo, in questo settore una mezza fusione è gia in atto visto che Fiat Professional fornisce buona parte del know how a PSA per la fabbricazione dei large van Boxer e Jumper nonché lo stabilimento di produzione di Sevel Sud dove viene realizzato anche Ducato.

Gallery: Fiat Ducato MY2020

Nel gioco dei large van si inserirà molto probabilament inserirsi anche Opel/Vauxhall Movano, attualmente costruito su base Renault Master, ma che presto cambierà "fornitore". Non dimentichiamo, poi, la sinergia nella fabbrica turca della Tofas per la realizzazione degli small van Fiorino, Bipper e Nemo, in via di esaurimento. In passato si ricorderà anche la joint-venture in Sevel Nord dove PSA forniva la base (Expert e Jumpy) per il "fu" Scudo.

Gallery: Expert e Jumpy, prime impressioni

Una vecchia amicizia

Su queste premesse e se la fusione dovesse andare in porto si ricreerebbero, anzi, si consoliderebbero le stesse condizioni. Con la differenza che ora FCA, per i mid van potrà contare su una piattaforma nuovissima ed efficiente, mentre si aprirebbe un discorso nuovo anche su gli small van. Accantonando il "progetto Fiorino" si potrebbe partire dalla base Partner/Berlingo per dotare anche FCA di una nuova furgonetta.

Gallery: Nuovo Peugeot Partner (2018)

Una storia tutta europea

Quello che è certo è che con la fusione dei due gruppi il si arriverà a una posizione di fortissima predominanza nel mercato europeo dove già PSA può vantare numeri di leadership e in cui FCA si inserirebbe con un paio di mercati chiave fra cui quello italiano.

Gallery: Ram 1500 EcoDiesel (2020)

Europeo, ma non globale visto che entrambi i Gruppi non presentano significative presenze extra UE fatte salve delle teste di ponte in Africa e Cina per PSA e nel continente americano per FCA. E sarà proprio in questi mercati che si dovrebbero sviluppare le maggiori sinergie strategiche.

 

Si aprirebbe il capitolo pick-up

Un capitolo a parte merita il discorso pick-up, un veicolo che in Europa vale una quota mercato irrisoria, ma che nel resto nel mondo è fondamentale. Resto del mondo tranne gli USA dove i "truck" sono un po’ diversi da quelli cui siamo abituati e rappresentano un buona parte anche del mercato privato.

Gallery: Fiat Fullback | Perché comprarlo... e perché no

PSA ha un suo pick-up derivato da un modello Cinese che vende solo nel mercato africano, Monsieur Xavier Peugeot che ha preso il controllo dei commerciali del Gruppo ha annunciato che ne arriverà uno nuovo, un modello globale come quello che purtroppo FCA ancora non ha nonostante abbia in casa due brand super specializzati come Jeep e Ram.