Allarme per il furto di carburante, nuova sospensione per il sollevamento verticale del telaio e allestimento connesso.

Scania ha implementato le funzionalità per ottimizzare la gestione dei veicoli intervenendo su tre aspetti molto diversi tra loro, ma in realtà tutti orientati verso un controllo sempre più puntuale da parte dell’Azienda. Vediamo quali.

Allarme furto carburante

La prima novità è la funzione allarme furto carburante nel Pacchetto Controllo Scania. I furti di carburante sono uno dei maggiori problemi per molti trasportatori, il danno non è solo nel valore del carburante rubato, ma anche nel fatto che il veicolo rimane fermo per diverse ore prima di poter continuare a svolgere il lavoro.

Scania al Transpotec 2019

Ora il sistema monitora il livello di carburante fino a 65 ore e, se il livello di carburante scende improvvisamente del 4-8% (a seconda della dimensione del serbatoio), attiva un alert acustico, e, con il Fleet Management, invia SMS ed e-mail di notifica direttamente al gestore flotta.

Sospensione per il sollevamento verticale

La seconda novità verte sul miglioramento della gestione del carico, particolarmente utile nel caso di veicoli allestiti con casse mobili, container o altre sovrastrutture, con assali di supporto sterzanti.

Scania al Transpotec 2019

La nuova soluzione, in maniera automatica, rilascia i freni sull’assale di supporto lasciando che le ruote si muovano liberamente. In questo modo non viene trasferita nessuna forza: durante le operazioni di sollevamento o di abbassamento del telaio il movimento deve essere esclusivamente verticale, semplificando così le operazioni di scarramento della cassa.

Allestimento interconnesso per un maggiore controllo

Infine, Scania è intervenuta sul sistema BCI (Bodywork Communication Interface), interfaccia di comunicazione della Casa, che ora può essere utilizzato per monitorare e misurare le funzioni relative all’allestimento dell’autocarro.

Scania al Transpotec 2019

I dati ottenuti dai sensori misurano parametri come peso, temperatura, angoli, allarmi ecc., vengono raccolti nel sistema BCI del veicolo e poi attraverso lo Scania Communicator vengono inviati al Fleet Management System, previa sottoscrizione del Pacchetto Controllo Scania.

Questo significa che tutti i dati importanti del veicolo e dell’allestimento vengono immagazzinati in un unico posto, con facilità di accesso.

“Un allestimento interconnesso significa un maggior controllo per il trasportatore”, ha evidenziato Alexander Vlaskamp, Senior Vice President, Scania Trucks. “Carichi sensibili, quali ad esempio alimenti surgelati, possono essere monitorati e documentati durante tutto il trasporto, garantendo che vengano trasportati nel modo più corretto".

Gallery: Scania al Transpotec 2019