Anche se FCA non ha per ora intenzione di montare un V8 Hellcat sul nuovo pick-up non è detto che non si possa fare

FCA, come detto non ha intenzione, per ora, di realizzare una versione "pompata" Hellcat di Gladiator, ma questo non significa impedire a chi ne abbia voglia di provarci. Il prodotto di Hennessy Performance tuttavia è qualcosa di più di un semplice cambio di motore anche se il passaggio a 1.000 CV è tutt’altro che uno scherzo.

Un vero Gladiatore

Il nome di battaglia è Hennessey Maximus 1000 e il riferimento al film il Gladiatore è tutt’altro che velato. Il tuning parte dal già citato motore Hellcat V8 da 6,2 litri. Da lì, Hennessey inserisce il suo upgrade HPE1000 e, dal momento che l'Hellcat non è previsto sul Gladiator sono state modificate anche la centralina i cablaggi, il radiatore e il sistema di alimentazione.

Hennessey Jeep Gladiator Maximus

Un nuovo sistema di scarico in acciaio inossidabile assicura che il motore possa respirare, e anche se non abbiamo visto Maximus in azione, sospettiamo che lo scarico produca anche un ruggito V8 "demoniaco".

Modifiche anche alla carrozzeria

La modifica interessa anche gli pneumatici BF Goodrich KD e Hennessey ha modificato anche le sospensioni aggiungendo un distanziatore da 6 pollici che supporta cerchi custom da 20 e un grande set di gomma fuoristrada BF Goodrich KD. Lato design, si aggiungono paraurti anteriori e posteriori personalizzati insieme con luci a LED, Abitacolo dove la pelle regna sovrana.

Hennessey Jeep GladiatorMaximus

Le dolenti note

Fin qui tutto ok e, sopratutto, molto bello, ma ora arrivano le dolenti note: la prima è il prezzo, per avere un Gladiator del calibro di Maximus servono almeno 200mila dollari (in conto in euro è poco meno di 180mila). La seconda, e forse più problematica, è la quantità: il preparatore texano ha deciso di produrne "solo" 24, due al mese per un anno. E allora... perché indugiare? Gli ordini sono aperti.

Gallery: Jeep Gladiator 2020