Daimler iniziò a studiare le tecnologie per l'uso dell'idrogeno come carburante alternativo nel 1994 con il NECAR. Nel 2001 arrivò lo Sprinter a celle a combustibile

Il futuro del veicolo con celle a combustibile iniziò 25 anni fa, nel 1994, quando Daimler-Benz AG, presentò il veicolo sperimentale NECAR (‘New Electric Car’) con motore elettrico a celle a combustibile.

La corrente per il motore di trazione veniva generata dalla conversione elettrochimica dell’idrogeno, con la sola produzione di acqua come prodotto di reazione.

La flotta a idrogeno di Daimler

Complessivamente, la flotta di veicoli a celle a combustibile di Daimler, che insieme con numerose concept car conta più di 300 modelli, ha da tempo superato la soglia dei 12 milioni di chilometri percorsi.

Il 29 gennaio del 2011, data del 125° anniversario dell’automobile, ha segnato anche l’inizio del Mercedes-Benz F-CELL World Drive, il primo giro del mondo con automobili dotate di sistema di propulsione a celle a combustibile.

L’obiettivo è quello di sensibilizzare l’opinione pubblica sulla necessità di realizzare un’infrastruttura globale per l’idrogeno: uno step indispensabile per l’impiego diffuso di veicoli a celle a combustibile, quindi a zero emissioni locali.

Mercedes-Benz idrogeno

La serie NECAR, evoluzione di una tecnologia

Tutto, però, ebbe inizio - appunto - un quarto di secolo fa con il NECAR 1. Seguì quindi tutta una serie di altri veicoli, nel 1996 venne presentato il NECAR 2  realizzato sulla base della Classe V.

Derivati dalla Classe A, invece, il NECAR 3 (del 1997), il NECAR 4 (del 1999) e il NECAR 4a che compì il passo decisivo verso la produzione di serie, il NECAR 5 (del 2000).

Nel 2005 Mercedes-Benz presentò la concept car F 600 HYGENIUS (85 kW / 115 CV, 140 km/h, autonomia 400 km) al 39° Tokyo Motor Show e nel 2010, con la Classe B F-CELL (100 kW / 136 CV, 170 km/h, autonomia 385 km) il sistema fu pronto per l’uso quotidiano.

Mercedes-Benz idrogeno

Dal NEBUS allo Sprinter

Riguardo alle applicazioni dell'idrogeno al settore dei veicoli industriali, in casa Daimler, dobbiamo tornare al 1997, quando fu lanciato anche il Mercedes-Benz NEBUS (‘New Electric Bus’) o 405 N che introduceva per la prima volta la tecnologia a celle a combustibile.

Nel 2001 Mercedes-Benz offrì una dimostrazione dell’impiego di questa tecnologia in un van: il prescelto fu lo Sprinter, in versione a celle a combustibile F-Cell (55 kW / 75 CV, 120 km/h, autonomia 150 km).

 

Gallery: Mercedes Sprinter F-Cell