La società specializzata in allestimenti estremi di pick-up ha messo le mani sul cassonato tedesco, applicando il suo protocollo AT

Alcuoni di voi conosceranno Arctic Trucks per aver trasformato il Toyota Hilux che Top Gear ha portato fino a Polo Nord. In precedenza la società di trasformazioni ha messo le mani su molti altri modelli di pick-up a cominciare dall'AT35 Isuzu D-Max Arctic Trucks, per realizzare versioni in gradi di affrontare l’inverno artico. Questa è per la prima volta che gli Islandesi si occupano di Volkswagen Amarok.

Molti aggiornamenti

Gli aggiornamenti sono, come ci si potrebbe aspettare, numerosi. Le sospensioni sono state sollevate di 25 mm sia davanti che dietro, mentre sono stati montati nuovi passaruota per accogliere gli enormi pneumatici "tuttoterreno" che circondano i cerchi in lega da 17’’. Sono stati, inoltre, montati dei parafanghi di grandi dimensioni per proteggere l'auto da sassi volanti che schizzano sui sentieri ghiacciati.

Gallery: Isuzu D-MAX AT35

Cambiano anche gli interni

Dentro, l'auto è equipaggiata con un estintore, un generatore portatile e perfino una vezzosa macchina per il cappuccino. Sono state montate anche radio VHF, cassetta degli attrezzi e prese jack e, nel caso in cui, durante le esplorazioni, il peggio dovesse accadere, è disponibile anche un kit di primo soccorso con un defibrillatore.

Gallery: Toyota Hilux AT38

Motore già potente di serie

Sotto il cofano c'è lo stesso diesel V6 da 3 litri che si trova nell’Amarok di serie. I suoi 224 CV di potenza sono più che sufficienti all’Amarok Arctic Trucks per aggiungere un’angolo di arrampicata di 45 gradi e trasportare un carico utile di 1.154 chilogrammi. Come il modello di serie, offre anche Hill Descent Assist.

Unico difetto non è prevista per ora di questa configurazione, una commercializzazione in serie, quello realizzato, infatti, si tratta di un modello one-off, ma non è detto che in futuro possa essere la base per trasformazioni aperte alla vendita.

Gallery: Volkswagen Amarok Artic Trucks