Il Pilota Olandese e il suo Team Petronas Iveco non nascondono le loro ambizioni di podio

Partita la Dakar 2019 con gli Iveco Powerstar del Team Petronas De Rooy Iveco che puntano decisamente alla vittoria, anche se per loro è il podio l’obbiettivo dichiarato. Gerard De Rooy si è presentato a Lima con uno squadrone a quattro punte per contrastare il potere dei Russi Kamaz che hanno dettato legge nelle ultime edizioni.

“Puntiamo ad avere un equipaggio del Team Petronas De Rooy Iveco sul più alto gradino del podio a Lima il 17 gennaio. Chi sarà di noi fra Ton van Genugten, Maurik van den Heuvel, Federico Villagra ed io, non importa. Dobbiamo aiutarci a vicenda”. Le Parole di Gerard non lasciano dunque molto spazio alle interpretazioni.

Importanti novità tecniche

Dopo le verifiche tecniche e la passerella sulla spiaggia della Magdalena per la cerimonia di partenza, è già prova speciale. “Ci presentiamo allo start con una squadra molto forte, grazie anche all’arrivo di Maurik (van den Heuvel), un pilota veloce ed esperto - ha commentato Gerard De Rooy. Le altre novità, tecniche, per questa edizione sono rappresentate dal cambio automatico montato su tutti i veicoli del team e i motori Cursor 13 completamente rivisti.

Più velocità sulle dune

Il cambio automatico rappresenta, infatti, un grande passo in avanti che farà una differenza enorme sulle dune. In termini di velocità pura si pensa potrebbe far guadagnare dal 10 al 15 per cento. Stesso discorso Anche per i motori Cursor 13 di FPT Industrial rivisitati sempre  per dare un significativo aiuto sulle dune più insidiose, visto che il freno motore pare sia più fruibile del 30% rispetto al passato.

Tutta in Perù

La Dakar 2019 che si svolge interamente in territorio peruviano si preannuncia molto impegnativa con più del 70% del percorso delle speciali da disputarsi su fondo sabbioso dune e fuoripista. Questo rende la competizione ancora più imprevedibile.

“La Dakar è speciale -  Conclude De Rooy - non si devono vincere tutte le tappe per salire sul gradino più alto del podio alla fine del rally. La nostra strategia è chiara: abbiamo quattro equipaggi forti per puntare a vincere ogni tappa, poi il giorno di riposo, in base alla classifica, potremmo fare dei piani più precisi. L’obiettivo è avere un membro del Team Petronas De Rooy Iveco sul podio”. Magari il più alto, aggiungiamo noi.