25 Gulliver ripristinati saranno operativi su una linea del centro a partire da aprile 2019

A Roma tornano i mini bus elettrici, per il momento si parla di 25 mezzi entro aprile su una linea che progressivamente arriveranno a 60 entro  il 2020. Non è ancora stato diffuso il percorso della linea (o linee elettriche), ma quasi sicuramente si tratterà di zone centrali.

Presumibilmente verranno riattivate le precedenti 116, 117, 119 e 125. L’annuncio ufficiale è stato dato da Virginia Raggi, sindaco della Capitale, che ha anche presentato uno dei rinnovati Gulliver Tecnobus, gli stessi che erano rimasti abbandonati nel deposito ATAC in attesa di manutenzione.

Nuova vita per i Gulliver

I bus elettrici erano stati, infatti, acquistati dalle precedenti amministrazioni al prezzo di 250mila euro ciascuno, per qualche anno hanno prestato servizio sulle strade di Roma, fino a quando l’appalto della manutenzione non è passato ad ATAC la quale non potendo più sostenerne i costi ha sostanzialmente abbandonato i mezzi nel deposito.

In tempi recenti alcuni di essi sono andati anche distrutti da un incendio. Il piano di riammodernamento è stato presentato da ATAC e verrà realizzato grazie all’aggiudicazione della gara per il revamping di 60 minibus Gulliver fermi da anni a causa di problemi con la disponibilità delle batterie.

L’accordo quadro per il recupero dei 60 mezzi, compreso il costo della manutenzione “full service” per 6 anni, ha un valore di 7,1 milioni di euro e comprende la possibilità di acquistare nuove batterie per un valore aggiuntivo di 2 milioni. 

Un piccolo segnale

Il viaggio dell’amministrazione Raggi verso un mobilità più sostenibile passa, dunque, anche attraverso il trasporto pubblico. Per il momento si tratta di una goccia nell’oceano visto che parliamo di un sola linea con bus di capienza limitata, comodi per le strade del centro storico di Roma, date le dimensioni contenute e compatte, ma di poco impatto sulle quotidiane esigenze dei cittadini.