Il provvedimento del Governo aumenta le restrizioni per chi vuole affittare un van, in nome dell'anti terrorismo

Il Decreto Sicurezza (Legge 113/2018), licenziato da poco dall'attuale Esecutivo contiene anche delle misure che hanno ricadute sul settore del trasporto. Parliamo in particolare, dell’articolo 17 “Prescrizioni in materia di contratto di noleggio di autoveicoli per finalità di prevenzione del terrorismo” introduce l'obbligo per le agenzie di autonoleggio di comunicare al Centro elaborazione dati (Ced) delle Forze
dell’ordine i dati identificativi riportati sul documento di identità di chi chiede di noleggiare un furgone (o un auto).

Si allungano i tempi del noleggio

Non è, in realtà, un impedimento, ma potrebbe allungare i tempi di gestione delle pratiche perché la comunicazione deve avvenire alla stipula del contratto e con un congruo anticipo rispetto al momento della consegna. Stipula del contratto e consegna sono, oggi solitamente contestuali, il decreto non quantifica meglio questo anticipo, ma indica che entro 6 mesi un decreto del ministro dell'Interno definirà le modalità tecniche dei collegamenti per effettuare le comunicazioni.

Van sharing al sicuro

Il van sharing, invece, non è interessato dalla norma perché la registrazione e la comunicazione avvengono una volta per tutte, al momento della firma del contratto iniziale.