Agli ultimi crash test EuroNcap, Traveller, Spacetourer e Proace ottengono il massimo dei voti sulla sicurezza

Test EuroNcap sulla sicurezza anche per quattro veicoli commerciali: in tre casi sono arrivate le cinque stelle ai crash test, in uno le quattro. Nell'ultima tornata di prove del 2015, il progetto internazionale EuroNcap, di cui è partner anche l'ACI, Peugeot Traveller, Citroen Spacetourer e Toyota Proace hanno conquistato il massimo di voti.

COLLABORAZIONE TRA PSA E TOYOTA

I modelli, che sono frutto della collaborazione tra PSA e il Costruttore nipponico (Traveller è la base degli altri due), sono LCV di taglia media in versione trasporti passeggeri. Tutti sono stati promossi con le identiche percentuali: 87% per le protezione degli adulti, 91% per quella dei bambini, 64% per quella dei pedoni e 78% per i sistemi di sicurezza attiva.

BUONA LA DOTAZIONE DI BASE

A proposito dei tre furgoni commerciali e familiari, in una nota ufficiale l'Automobil Club d'Italia scrive che è "ancora da migliorare, ma comunque di livello accettabile, la protezione dei pedoni. E aggiunge che "dal punto di vista della sicurezza attiva buono, tutto considerato, il livello delle dotazioni di base".

PICK-UP NAVARA A 4 STELLE
Per il pick-up Nissan Navara esaminato nella penultima sessione dell'anno, quella i cui risultati erano stati resi noti all'inizio di dicembre, i crash test erano stati archiviati con le quattro stelle. Il rinnovato veicolo giapponese, immatricolabile solo come autocarro nel Bel Paese, ha ottenuto il 79% per la protezione dei passeggeri, il 78% per quella dei bambini e dei pedoni ed il 68% per i sistemi di sicurezza attiva.

PROTOCOLLO "DUAL RATING" DAL 2016
Con il 2016 entrerà in vigore un nuovo protocollo "Dual Rating" per i punteggi dei crash test EuroNcap. Si tratta di una doppia valutazione: una riferita all'equipaggiamento base in termini di sistemi di sicurezza e l'altra a quello avanzato, ad esempio un Safety Pack opzionale e disponibile su almeno il 50% dei mercati europei.

Gallery: EuroNCAP PSA e Toyota