L'autorità tedesca approva le contromisure del Gruppo per ripristinare le corrette emissioni sui motori EA 189

Le vicenda #dieselgate sta pian piano trovando una via si risoluzione, almeno stando alle dichiarazioni di Volkswagen AG. che ha presentato al KBA, (l’Autorità per il Trasporti tedesca), che le ha approvate, le soluzioni per adeguare i motori EA 189 1.6 e 2.0 TDI alle normative vigenti.

INTERVENTI HARDWARE E SOFTWARE

Sui motori 1.6 EA 189 verrà installato un "trasformatore di flusso" direttamente davanti al misuratore della massa d’aria. In pratica si tratta di una griglia che riduce la formazione di vortici d’aria e aumenta in modo significativo la precisione nella misurazione del flusso, un parametro importante per la gestione della combustione del motore. Oltre a questo verrà eseguito un aggiornamento del software. Il tempo previsto per l’implementazione delle misure tecniche è di meno di un’ora. Sui motori 2.0 TDI sarà effettuato solo un aggiornamento del software. Con una tempistica lavorativa prevista di circa mezz’ora.

INTERVENTI NEL ORSO DI TUTTO IL 2016

L’obiettivo che si pone Volkswagen AG. è iniziare ad applicare gli aggiornamenti tecnico necessario dal gennaio 2016: sulla base delle valutazioni attuali, tutte le misure che rientrano nell’azione, per le diverse varianti, saranno attuate nel corso dell’intero anno solare 2016. La Volkswagen contatterà tutti i clienti e si adopererà per tener conto delle necessità individuali durante l’intervento in modo da evitare, per quanto possibile, difficoltà come per esempio un’eventuale limitazione della mobilità o fermi lavorativi assicurando dove necessario soluzioni di mobilità sostitutive appropriate.

OBBIETIVO NON MODIFICARE LE PRESTAZIONI

Dall’inizio di ottobre, tutti i clienti Volkswagen hanno la possibilità di verificare direttamente sul sito http://info.volkswagen.com/it se il loro veicolo risulta interessato e ottenere le informazioni del caso. Entro la fine di novembre, saranno presentate al KBA anche le misure relative al motore Diesel 1.2 litri 3 cilindri. Resta confermato che i veicoli sono tecnicamente sicuri e adatti alla circolazione su strada e possono pertanto essere utilizzati senza alcuna limitazione, oltre che l'obiettivo degli interventi rimane soddisfare gli standard delle emissioni in
ogni caso, senza impatto su potenza, consumi e performance

MÜLLER ALL'ASSEMBLEA DEI DEALER DEI COMMERCIALI
Alle dichiarazioni sulle misure adottate per ripristinare le emissioni di legge hanno fatto eco quelle di Matthias Müller, Presidente del Consiglio di Amministrazione di Volkswagen AG intervenuto presso il nuovo centro clienti Volkswagen Veicoli Commerciali, davanti ai congressisti provenienti da 20 Paesi: "I clienti interessati dal problema diesel hanno la massima priorità per noi: vogliamo e offriremo soluzioni per i loro veicoli il più presto possibile. Per questo sappiamo di poter contare su nostri rivenditori in Europa che attualmente stanno facendo un ottimo lavoro. Il Gruppo Volkswagen farà tutto il possibile per dare ai propri concessionari il maggior sostegno possibile nei prossimi mesi".

RENSCHLER: RIVENDITORI PARTE DELLA NUOVA STRATEGIA
Andreas Renschler, Membro del Consiglio di Amministrazione responsabile per veicoli commerciali di Volkswagen AG. ha poi sottolineato: "I nostri rivenditori sono un fattore importante di successo per Volkswagen Veicoli Commerciali, anche e soprattutto in tempi turbolenti. Nessuno capisce le esigenze dei nostri clienti meglio di loro. Questo è il motivo per cui giocano un ruolo decisivo nella nuova strategia aziendale che stimo portando avanti con il Marchio".