Secondo il Governo tedesco nello scandalo emissioni sarebbero coinvolti anche i veicoli commerciali. Nessuna conferma da Volkswagen

Nello scandalo del software che modifica i dati sulle emissioni di NOx dei veicoli a gasolio del Gruppo Volkswagen sono coinvolti anche i veicoli commerciali. Questo almeno stando alle dichiarazioni ufficiali di ieri di Alexander Dobrindt, ministro federale dei trasporti tedesco che ha parlato oltre che dell’ormai famigerato 2.0 TDI anche del 1.6 sempre TDI.

5 MILIONI VI VEICOLI COINVOLTI

Secondo fonti governative tedesche quindi lo scandalo che ormai ha preso il nome di #dieselgate sarebbe destinato a investire una gran parte della produzione Volkswagen anche per quanto riguarda veicoli commerciali. Cifre che potrebbero aggirarsi intorno ai 2,8 milioni di veicoli complessivi (tra vetture e van) solo in Germania su più o meno 5 milioni a livello mondiale.

UN PRIMA LISTA UFFICIALE

Il condizionale è d’obbligo poiché, come era stato ipotizzato dall’inizio della mattinata, al termine del Consiglio di Sorveglianza che ha promosso Matthias Müller, il Numero 1 di Porsche, al vertice del consiglio di amministrazione del Gruppo Volkswagen sono stati diffusi i nomi di alcuni modelli interessati, tra i quali non compaiono né veicoli commerciali né tantomeno vetture di altri brand facenti capo al Gruppo.

L'ELENGO SI PROTREBBE ALLARGARE
Un elenco un po’ scarno se si considera che il motore principalmente incriminato il 2.0 TDI, contrassegnato con la sigla EA 189, è montato su molti più modelli del Gruppo fra cui anche i van Caddy, Transporter, Crafter e sul pick-up Amarok. Fra le motivazioni che accorcerebbero la lista ci sono quelle per cui i nuovi motori Euro 6 non dovrebbero essere interessati e che il software “galeotto” che interferiva nei controlli non sarebbe presente su tutti i motori.

RENSCHLER RIMANE AI VEICOLI COMMERCIALI

Quello che i vertici del colosso di Wolfsburg hanno invece reso noto è stato il valzer di nomine che a interessato il Gruppo dal quale è rimasto escluso Andreas Renschler, l'ex top manager Daimler cui è stata affidata la holding che si occupa di veicoli commerciali e industriali che inizialmente era uno dei papabili alla guida di Volkswagen Group.

Chiuso in Redazione alle 22.00 del 25/09/2015