La Germania stima maggiori entrate. Toll Collect, la società di teleriscossione partecipata da Daimler, ipotizza 90mila veicoli stranieri paganti in più

La manovra a "tenaglia" del ministero federale dei Trasporti della Germania per far aumentare le entrate legate al pedaggio dei veicoli professionali dovrebbe valere maggiori entrate per 380 milioni di euro l'anno. Alcuni esperti sono scettici, perché sulla base delle nuove disposizioni comunitarie, per molti vettori il costo a chilometro per il transito è sceso.

DA OTTOBRE PAGANO ANCHE I MEZZI DA 7,5 T
Toll Collect, la società partecipata anche da Daimler che si occupa della teleriscossione, ha stimato in circa 250mila il numero dei veicoli che dovranno versare il tributo. L'aumento è legato a un doppio intervento governativo: l'allargamento a altri mille chilometri della rete sulla quale è obbligatorio il versamento del pedaggio e l'abbassamento della soglia di esenzione, portato da 12 a 7,5 tonnellate (dal 1° ottobre 2015).

OLTRE UN MILIONE DI VEICOLI REGISTRATI

Secondo la Società il provvedimento riguarderà per oltre un terzo di operatori stranieri (90mila veicoli). In realtà, di 250mila mezzi previsti, "solo" 205mila decideranno dovrebbero optare per la registrazione a Toll Collect. Il numero previsto di richieste di apparecchiature di telerilevamento (On-Board-Unit) per il pagamento automatico è di 143mila, 85mila solo nel corso del 2015. In luglio sono stati censiti 866.802 "telepass" in Germania e un totale di oltre un milione di veicoli registrati. Il sistema non è legato al singolo mezzo e può venire trasferito da uno all'altro a seconda degli spostamenti.