La presenza del Gruppo tedesco a Verona in attesa del debutto italiano di nuovo Caddy e Transporter 6

La presenza di Volkswagen a Transpotec è quasi "d'obbligo". Non soltanto perché è il più grande costruttore d'Europa, ma anche perché la filiale italiana del gruppo è proprio a Verona, dove si svolge la più importante fiera italiana del settore dell'autotrasporto. Le due grandi novità della prima parte dell'anno della divisione Veicoli Commerciali – in questo momento interessata da una grande operazione di ristrutturazione che riguarda anche gli altri due brand della galassia, ossia Scania e MAN – non sono in passerella nella città di Giulietta e Romeo. Una è Caddy – presentato in Polonia in versione a passo corto e poi al Salone di Ginevra in versione Maxi – e l'altra è Transporter 6, presentato in forma statica ad Amsterdam.

IN VETRINA CRAFTER E T5

Per le novità, almeno in Italia, ci sarà da pazientare ancora qualche mese. Presso il proprio stand, Volkswagen Veicoli Commerciali punta su certezze consolidate come il Crafter e l'attuale generazione di Transporter, il T5. La passerella riservata dal gruppo è a un T5 equipaggiato con l'efficiente unità da 140 cavalli e per due Crafter allestiti dalla ditta specializzata italiana Onnicar a confermare della modularità del modello tedesco.

DUE VEICOLI PER I TEST DRIVE

Come gli altri marchi, anche Volkswagen non si accontenta della vetrina statica offerta da Transpotec. Presso l'Area esterna B, sono a disposizione degli interessati anche due veicoli da provare: si tratta di un Transporter 5 e di un Crafter. Il primo è in versione furgone a tre posti Tech&Sound con motore 2.0 litri da 140 cavalli con cambio a 6 marce (4,89 metri di lunghezza, 3 metri di passo, 782 chilogrammi di portata), mentre il secondo è a passo medio (5,905 metri di lunghezza e 3,665 di passo) in versione T.A. furgone con motore da 2.0 litri da 109 cavalli da 1.308 chilogrammi di portata e 10,3 metri cubi di volume.

Gallery: Transpotec 2015, le novità Volkswagen