Risalgono al 1923 i primi Diesel montati sugli autocarri Daimler e Benz, innovatori anche in questo campo

Tra i molti primati che l'attuale Mercedes vanta nel mondo dell'automobile e del trasporto in generale ce ne sono anche alcuni legati ai motori Diesel, di cui ancora oggi la Casa della Stella è fiera sostenitrice. La berlina 260 D arrivata a metà degli Anni '30 è stata di fatto la prima auto a gasolio prodotta in una serie relativamente ampia, ma se guardiamo gli autocarri, la storia è iniziata oltre 10 anni prima.

Risale infatti al 1923 il lancio da parte di Benz&C. del primo camion Diesel. Era un autocarro da 5 tonnellate azionato da un motore OB 2 a quattro cilindri con precamera dalla potenza di 45 CV a soli 1.000 giri/min che ha reso subito evidenti tutti i vantaggi del gasolio rispetto alla benzina, iniziando da un risparmio economico sul carburante addirittura dell'86%.

Subito innovativo

Lo sviluppo del nuovo motore è iniziato nel 1922 con le prime prove al banco svolte mese di settembre e la successiva costruzione di 10 unità. Ad aprile del 1923 si decise per la produzione in serie e meno di 6 mesi dopo, alcuni prototipi si aggiravano tra le strade della Foresta Nera per i rilevamenti finali. Secondo gli ingegneri, a parità di potenza e sforzo compiuto il motore necessitava di una quantità di carburante inferiore del 25% rispetto a un benzina.

Il propulsore OB 2 era alimentato con olio di catrame di lignite, un combustibile estremamente economico che consentiva così di ridurre la spesa ad appena il 14% di quella di un autocarro a benzina, tuttavia il motore era in grado di funzionare anche con altri tipi di carburanti quali gasolio, cherosene, olio di paraffina, come riportato nelle pubblicità dell'epoca.

Gli autocarri Diesel firmati Daimler dal 1923

L'iniezione d'aria di Daimler

Daimler e Benz non si sono fatti concorrenza diretta soltanto con le prime automobili, ma anche con i motori a gasolio: poche settimane dopo il lancio del camion Diesel di Benz, infatti, anche Daimler ha introdotto una serie di autocarri spinti da motori dotati dell'interessante soluzione dell'iniezione d'aria. Daimler ci lavorava già dal 1911 e il decennio di sviluppo ha portato alla nascita di un 4 cilindri capace di circa 40 CV a 1.000 giri, anch'esso testato nell'autunno del 1923 poco prima del lancio, avvenuto ad ottobre al Salone di Berlino.

Gli autocarri Diesel firmati Daimler dal 1923
Gli autocarri Diesel firmati Daimler dal 1923
Gli autocarri Diesel firmati Daimler dal 1923

La fusione e l'affermazione della precamera

Nel 1926 Daimler e Benz si sono unite in un'unica società. La dinastia degli autocarri diesel è proseguita con una nuova serie di mezzi mossi da un motore di nuova progettazione per il quale si è scelto di adottare a titolo definitivo il sistema a precamera di Benz. Nel 1927 è dunque nato il primo 6 cilindri Daimler-Benz, siglato OM 5, che aveva una cilindrata di 8,6 litri e una potenza di 75 CV. La sigla OM, che ancora oggi identifica tutti i Diesel della produzione Daimler, è l'abbreviazione di ÖlMotor, "motore a olio".

Il nuovo motore è andato ad equipaggiare dal 1928 l'autocarro Mercedes-Benz L 5 in una versione da 70 CV a 1.300 giri in alternativa al benzina M36 da 100 CV. Era dotato di una pompa di iniezione sviluppata da Robert Bosch a partire dal 1922 che ha reso il sistema di iniezione più affidabile e performante contribuendo alla lenta ma costante affermazione dei motori Diesel.

Questi pativano ancora una evidente ruvidità e una rumorosità accentuata, ma si sono fatti apprezzare per le prestazioni a pieno carico e l'economia di marcia, ottenendo la consacrazione nell'autunno del 1928, quando il Royal English Automobile Club ha assegnato a Daimler-Benz AG il Trofeo Dewar, riconoscimento conferito alle migliori novità in campo degli autoveicoli.

 

Gallery: Gli autocarri Diesel firmati Daimler dal 1923