OmniAuto.it
Una presa in comune - Novità

18 ottobre 2011
di Francesco Stazi
tag: Novità

Stampa
Invia ad un amico
Commenti (0)

Una presa in comune

I maggiori costruttori europei e americani avranno un unico connettore per i veicoli elettrici

Audi, BMW, Daimler, Ford, General Motors, Porsche e Volkswagen hanno raggiunto un’intesa per la realizzazione di uno standard di connessione per la ricarica rapida dei veicoli elettrici in Europa e negli USA.

Il sistema consiste nell’unire in un unico connettore tutte le diverse configurazioni di ricarica adottando anche lo stesso protocollo di comunicazione fra veicolo e la stazione di ricarica che è stato identificato nell’HomePlug Green Phy.

L’accordo su un sistema unico e condiviso di ricarica rapida a corrente continua, permettendo ai veicoli di Audi, BMW, Daimler, Ford, GM, Porsche e Volkswagen di utilizzare le stesse stazioni di ricarica, agevolerà lo sviluppo e la pianificazione d’infrastrutture sul territorio, faciliterà l’utilizzo dei veicoli elettrici e migliorerà l’esperienza del prodotto per i clienti di veicoli elettrici.

Inoltre, l’adozione anche di un protocollo comune permetterà l’integrazione dei veicoli elettrici con future applicazioni della smart grid, la rete elettrica intelligente.

La scelta del Combined Charging System come piattaforma comune è stata effettuata sulla base dell’analisi delle attuali strategie per le tecnologie di ricarica, in funzione dell’ergonomia dei connettori e tenendo conto dei desideri dei clienti negli Stati Uniti e in Europa.

Una spinta alI’adozione, anche europea, di un sistema comune è stata data dal successo ottenuto, negli USA, dei sistemi standard di ricarica di primo e secondo livello (rispettivamente a 120 e 220 V).

La nuova piattaforma di ricarica comune è retro compatibile sia con il connettore J1772 (utilizzato nel mercato americano), sia con i sistemi europei basati sullo standard IEC 62196 di Tipo 2, che adotta un connettore della medesima forma.

Listino del Nuovo

Tutti i veicoli commerciali
Vai al listino