OmniAuto.it
UE, meno CO2 per i commerciali - Attualità e Mercato

19 aprile 2011
di Francesco Stazi
tag: Attualità e Mercato

Stampa
Invia ad un amico
Commenti (0)

UE, meno CO2 per i commerciali

La Commissione europea ha abbassato i limiti di emissioni di anidride carbonica per i furgoni

La Commissione UE, ha resi noti i nuovi limiti per le emissioni di CO2 relativi ai veicoli commerciali fino a 3,5 tonnellate. La norma approvata dal Parlamento Europeo e dal Consiglio dei Ministri dei Trasporti dell’Unione prevede che la media delle emissioni dei veicoli passi da 200 a 175 grammi di CO2 al chilometro tra il 2014 e il 2017, fino ad arrivare al traguardo di 147 g/km nel 2020.
Questi limiti si applicano, ai nuovi veicoli commerciali fino a 3,5 tonnellate, ma entro il 2014 la Commissione potrebbe proporne l'estensione a minibus e furgoni fino a 12 tonnellate.

Per raggiungere questi nuovi obiettivi, secondo il Centro Ricerche Continental Autocarro, un apporto fondamentale può essere quello dato dall’impiego congiunto di pneumatici a bassa resistenza al rotolamento e di strumenti di monitoraggio della pressione delle gomme. Secondo un documento ufficiale della Commissione Europea, infatti, i pneumatici a bassa resistenza al rotolamento “fanno diminuire le emissioni di CO2 di 7 g/km circa”.

Sempre secondo una fonte ufficiale della Commissione Europea un sistema di monitoraggio della pressione delle gomme porta a un risparmio di carburante, e quindi anche di emissioni di CO2, del 2,5%. Applicando questa percentuale a 200 g/km, che rappresenta la media attuale delle emissioni di CO2 dei veicoli commerciali leggeri, si ottiene una riduzione di 5 grammi al chilometro. Sommando a questi 7 grammi derivati dall’impiego di pneumatici a bassa resistenza al rotolamento si ottengono 12 grammi di CO2 in meno al chilometro.

Listino del Nuovo

Tutti i veicoli commerciali
Vai al listino