Cento numeri per capire l'autotrasporto - Galleria Attualità e Mercato
Cento numeri per capire l'autotrasporto - Galleria Attualità e Mercato- Thumb 1 Cento numeri per capire l'autotrasporto - Galleria Attualità e Mercato- Thumb 2 Cento numeri per capire l'autotrasporto - Galleria Attualità e Mercato- Thumb 3 Cento numeri per capire l'autotrasporto - Galleria Attualità e Mercato- Thumb 4 Cento numeri per capire l'autotrasporto - Galleria Attualità e Mercato- Thumb 5 Cento numeri per capire l'autotrasporto - Galleria Attualità e Mercato- Thumb 6 Cento numeri per capire l'autotrasporto - Galleria Attualità e Mercato- Thumb 7 Cento numeri per capire l'autotrasporto - Galleria Attualità e Mercato- Thumb 8 Cento numeri per capire l'autotrasporto - Galleria Attualità e Mercato- Thumb 9 Cento numeri per capire l'autotrasporto - Galleria Attualità e Mercato- Thumb 10

15 giugno 2017
di Francesco Stazi
tag: Attualità e Mercato

Stampa
Invia ad un amico
Commenti (0)

Cento numeri per capire l'autotrasporto

Pubblicato il volume di Deborah Appolloni, edito da Federtrasporti, che fotografa in numeri la realtà italiana

L’autotrasporto italiano sta cambiando, ma in che modo ce lo raccontano i numeri raccolti nel volume "Un ritratto in cifre: 100 numeri per capire l’autotrasporto" scritto da Deborah Appolloni (con il contributo di Maria Carla Sicilia) ed edito da Federtrasporti. Quello che emerge è un quadro non proprio edificante, ma con segni di ripresa. La crisi economica ha inciso in maniera pesante nel settore e se a questa si aggiungono l’apertura delle frontiere e l’arrivo della concorrenza da parte dei paesi dell’est Europa il quadro risulta quantomeno complesso. Dal 2010 a oggi sono scomparse quasi 17mila aziende (-15%). E se, da un lato, sono state decimate le imprese individuali (-20mila unità), dall'altro sono nate nuove realtà aggregate come S.p.A. e cooperative e consorzi. Un fatto "straordinario" per una realtà che si reggeva sui cosiddetti "padroncini", ma anche necessario per affrontare situazioni più complesse, in cui l’Europa detta le regole.


UNA CONCORRENZA CHE VIENE DALL'EST
Proprio il confronto con le aziende europee è stata, secondo i "facts" descritti nel libro, la sfida più difficile di questi anni: i Tir con targa straniera sono sempre più presenti sulle autostrade italiane e rappresentano il 60% dei veicoli in transito dai valichi alpini. La Concorrenza della manodopera dell’est, da un lato, ha messo in crisi il mercato, dall’altro, ha stimolato la "creatività" dei nostri imprenditori per rendersi competitivi con l'imperativo di "abbassare i costi". L’est Europa e in particolare la Polonia (dal 2008 al 2015 sempre col segno +) sono i luoghi dove il mercato ha meno risentito della crisi. Di contro è proprio l’Italia quella che ne ha fatto le spese maggiori con un dimezzamento delle immatricolazioni a cui si aggiunge anche un vistoso calo delle quantità di merci trasportate che, manco a dirlo, a Est non c’è stato.


ITALIA TERRA DI CABOTAGGIO
Se parliamo di cabotaggio stradale internazionale l’Italia è ancora terra di conquista: secondo Eurostat, nel 2014 ha registrato 7,8 milioni di tonnellate, il 67,2% in più rispetto al 2006, calando poi nel 2015 a un valore pari a quello di dieci anni fa. Stando a uno studio della CGIA di Mestre, le tariffe dei vettori italiani si aggirerebbero tra 1,10-1,20 euro a chilometro (già sottocosto), mentre i colleghi dell’est, arrivano a viaggiare a 80-90 centesimi al chilometro, ma muovendosi quantomeno al limite delle regole. Quasi tutta la competitività delle imprese italiane si gioca però sul costo del lavoro: un autista assunto con contratto italiano costerebbe quasi 8 volte di più rispetto al collega con contratto bulgaro. La risposta di molte aziende è stata la delocalizzazione con avvio di nuove società all’estero, acquisizioni di aziende locali o trasformazioni in intermediari, in partnership con vettori terzisti locali.


NON SI TRATTA SOLO DI SOLO ABBASSARE I COSTI
Tutti GLI escamotage per tagliare costi e burocrazia, servono, certo, nel breve periodo per tamponanare alla bene e meglio la situazione, ma sicuramente non per andare incontro al futuro. Un futuro che, da un lato, richiede sforzi per ridurre le emissioni nocive, puntando su carburanti alternativi, su veicoli con guida assistita o autonoma e, dall’altro, preme per una maggiore attenzione al mondo del commercio elettronico. Due situazioni  che richiedono che richiedono una crescita professionale da parte delle aziende e degli autisti, vettori sempre più aperti alle sperimentazioni e alla specializzazioni (il vettore 2.0), una digitalizzazione dei processi e una crescita dell’industria 4.0 e dell’intermodalità.

Listino del Nuovo

Tutti i veicoli commerciali
Vai al listino