OmniAuto.it
Attentato Berlino, dirottato lo Scania - Attualità e Mercato

20 dicembre 2016
di Francesco Stazi
tag: Attualità e Mercato

Stampa
Invia ad un amico
Commenti (0)

Attentato Berlino, dirottato lo Scania

Il camion utilizzato per la strage è di una ditta polacca, veniva dal'Italia. Probabilmente sequestrato l'autista

Con tutta probabilità è stato dirottato il camion che ha provocato la strage del mercatino di Natale di Berlino. Mentre si susseguono le informazioni sulla natura del gesto (che si tratti di un atto deliberato ormai è quasi certo), quello che appare sempre più chiaro è che il veicolo, uno Scania R480 appartenente alla ditta di trasporti di Stettino, in Polonia, Ariel Zarawski, sia stato in qualche modo sequestrato e poi lanciato sulla folla, non dall’autista titolare. Di quest’ultimo infatti, cugino del titolare della ditta di trasporti, si erano perse le tracce dalle 16.00 del pomeriggio di lunedì, dopo che egli stesso aveva comunicato che si sarebbe fermato prorio a Berlino per una sosta.


L'AUTISTA TITOLARE MORTO
All’interno della cabina le autorità tedesche hanno ritrovato il cadavere di un cittadino polacco, il che fa ipotizzare che l’autista sia stato, in qualche modo, sequestrato e costretto a guidare il veicolo sulla folla oppure tenuto a forza in cabina mentre il secondo uomo compiva la strage. Ulteriori indizi vengono dal sistema di controllo flotte presente dul camion. Il sito di informazione polacco WP Money, infatti, riporta come le tracce del GPS e delle trasmissini dati del camion rilevino un tentativo di accensione del motore alle 15.44, poi nulla fino alle 16.52 quando il motore è stato acceso fino alle 17.37, senza che il camion però si muovesse, cosa che invece ha fatto alle 19.34 verso la Capitale tedesca.


FORSE TENTATIVI DI FAR PARTIRE IL CAMION
Conoscendo i disposistivi di assitenza presenti all’interno del camion è da escludere che le accensioni del motore siano da imputare alla necessità, magari, di riscaldare la cabina, visto che questo avviene attraverso sistemi ausiliari indipendenti, sembra, invece, piuttosto un tentativo di "imparare" a guidare o quantomeno a far partire il camion. Si tratta, infatti, di un veicolo sufficientemente moderno e che, quindi, una volta in movimento è abbastanza semplice da guidare anche per chi non l’ha mai fatto. Il cittadino polacco, trovato al posto del passeggero è stato ucciso da colpi d’arma da fuoco, confermata l'identità come l'autista titoltare del veicolo; ancora a piede libero il presunto attentatore. Il pachistano, richiedente asilo fermato inizialmente, infatti, sembrerebbe estraneo ai fatti.


(Nella foto il camion utilizzato per l'attentato, foto dal sito dell'Azienda)

Listino del Nuovo

Tutti i veicoli commerciali
Vai al listino