OmniAuto.it
Spionaggio in casa Renault - Curiosità

14 marzo 2011
di Nicola Minimi
tag: Curiosità, Renault

Stampa
Invia ad un amico
Commenti (0)

Spionaggio in casa Renault

Clamorosa svolta nelle indagini

In merito all’indagine sullo spionaggio industriale in casa Renault relativa alla “fuoriuscita” di segreti sui veicoli elettrici, il Procuratore di Stato ha appena comunicato un aggiornamento che scagiona i principali indiziati: i signori Michel Balthazard, Bertrand Rochette e Matthieu Tenenbaum.

La Renault, nelle persone del Presidente e CEO Carlos Ghosn e il COO Patrick Pélata, oltre a ringraziare l'ufficio del Procuratore e gli Investigatori del DCRI (Direction Centrale du Renseignement Intérieur) per il lavoro finora svolto nell’inchiesta, presenta le proprie scuse ai tre dirigenti accusati ingiustamente.
Carlos Ghosn e Patrick Pélata si impegnano personalmente per riabilitare il nome di Balthazard, Tenenbaum e Rochette e riparare al grave torto subito dai tre e dai propri familiari.
Il Presidente e CEO del Gruppo francese, Carlos Ghosn, ha convocato oggi stesso una riunione straordinaria del Consiglio d’Amministrazione.
Nel frattempo la Renault ha presentato un’istanza di azione civile per frode. Il Procuratore di Stato è fiducioso che la verità verrà fuori nel corso dell'inchiesta.

Listino del Nuovo

Tutti i veicoli commerciali
Vai al listino