OmniAuto.it
Opel Vivaro Combi, prime impressioni - Galleria Test
Opel Vivaro Combi, prime impressioni - Galleria Test- Thumb 1 Opel Vivaro Combi, prime impressioni - Galleria Test- Thumb 2 Opel Vivaro Combi, prime impressioni - Galleria Test- Thumb 3 Opel Vivaro Combi, prime impressioni - Galleria Test- Thumb 4 Opel Vivaro Combi, prime impressioni - Galleria Test- Thumb 5 Opel Vivaro Combi, prime impressioni - Galleria Test- Thumb 6 Opel Vivaro Combi, prime impressioni - Galleria Test- Thumb 7 Opel Vivaro Combi, prime impressioni - Galleria Test- Thumb 8 Opel Vivaro Combi, prime impressioni - Galleria Test- Thumb 9 Opel Vivaro Combi, prime impressioni - Galleria Test- Thumb 10 Opel Vivaro Combi, prime impressioni - Galleria Test- Thumb 11 Opel Vivaro Combi, prime impressioni - Galleria Test- Thumb 12 Opel Vivaro Combi, prime impressioni - Galleria Test- Thumb 13 Opel Vivaro Combi, prime impressioni - Galleria Test- Thumb 14 Opel Vivaro Combi, prime impressioni - Galleria Test- Thumb 15 Opel Vivaro Combi, prime impressioni - Galleria Test- Thumb 16

6 luglio 2016
di Francesco Stazi
tag: Test, Opel

Stampa
Invia ad un amico
Commenti (0)

Opel Vivaro Combi, prime impressioni

Un ottimo motore per l'alternativa del Blitz alle monovolume o per un trasporto persone più professionale

Vengono chiamati "people mover" che, tradotto nella pratica, può significare trasporto persone, ma in realtà il termine indica qualcosa di più. Si tratta di un segmento abbastanza trasversale che abbraccia sia i van sia le monovolume la cui destinazione è principalmente quella di far “viaggiare" nel modo più comodo possibile il maggior numero di passeggeri.  I veicoli “people mover” possono avere un utilizzo sia privato sia professionale, in questo ultimo caso, generalmente sono derivati da mid van. Uno degli ultimi modelli arrivati sul mercato è il nuovo Vivaro Combi.


COM’È
La versione Combi per il trasporto di passeggeri di Vivaro viene offerta, di base, con nove posti: il sedile guidatore regolabile in sei direzioni e con supporto lombare, un sedile doppio per due passeggeri anteriori (disponibile anche con sedile singolo) e divanetti a tre posti in seconda e terza fila, con parecchio spazio per le gambe. La terza fila di sedili può essere abbattuta. La particolarità sta nel fatto che le versioni Combi si possono trasformare da minibus a veicolo di trasporto con un volume di carico di quasi sei metri cubi oltre a tutte le possibili configurazione intermedie. Interessante anche la dotazione di serie con radio con telefono integrato e computer di bordo. A richiesta sono disponibili: clima elettronico, i sedili riscaldati lato guidatore e passeggero anteriore. Il cruise control e il sistema Keyless Open&Start garantiscono ulteriore comfort. Ottimale anche la connettività grazie ai sistemi di infotainment IntelliLink gestibile dal touchscreen a colori da 7’’, dai pulsanti al volante o comandi vocali. Nuvo per questa versione Euro 6 è il sistema Navi 80 IntelliLink con funzione Real Time Traffic. 


COME VA
Il Vivaro Combi come il suo fratello Van e come i cugini Renault Trafic e Fiat Talento è spinto da due motori 1.6 turbodiesel Euro 6 declinati in quattro potenze: 95, 115, 125, 145 CV, le ultime due sono caratterizzate da una doppia sovralimentazione che garantisce coppia praticamente a qualsiasi numero di giri. Nella nostra prova a abbiamo scelto il "massimo”: la verisone a passo lungo e 145 CV di potenza. In tutta sincerità, per me non era una novità assoluta visto che questo veicolo, anche se con livree diverse, è stato già ampiamente testato, era lo prima volta però che lo provavo in configurazione Combi per il trasporto persone. In questo caso, con un carico tutto sommato meno impegnativo, la spinta del 1.6 biturbo si apprezza maggiormente, così come le doti di maneggevolezza. Anche "ritarando" i parametri di giudizio e valutando il Vivaro Combi più come un monovolume che come un furgone, l’opinone resta sempre di buone sensazione di controllo; dato sia dalla posizione di guida decisamente automobilistica, sia dal sistema di sospensioni che benché ereditato dal van non risulta troppo duro. Per quanto riguarda gli interni le sedute sono essenziali, ma comode, anche perché il punto di forza del Vivaro Combi è la modularità, unita a un comfort decisamente nella media.


CURIOSITÀ
Nello scorso autunno Opel ha dimostrato come sia possibile trasformare Vivaro in un van lifestyle all'ultima moda, creando il  Vivaro Surf Concept, è ideale per chi pratica attività sportive. Cinque o sei passeggeri (a seconda della configurazione dei sedili) e tutta l'attrezzatura sportiva e di fitness necessaria stivabile in un vano di carico separato di 3,2 metri cubi, o  di 4,0 metri cubi nella versione a passo lungo. Opel Vivaro Surf Concept è quindi ideale per trasportare oggetti bagnati o sporchi dopo una gita al mare o in montagna senza che nessuno dei passeggeri ne abbia a soffrire.


QUANTO COSTA
La versione Combi di Opel Vivaro è disponibile in due classi di peso (2,7 e 2,9 tonnellate), in due lunghezze (5,0 e 5,4 metri) e con un'altezza di 1,97 metri. L'accesso avviene attraverso le due porte anteriori, una porta laterale scorrevole sul lato passeggero e due porte posteriori a battente. La versione Combi può anche essere ordinata con una seconda porta laterale scorrevole sul lato del guidatore e con il portellone che si apre verso l'alto (al posto delle porte posteriori a battente). La versione Combi per il trasporto di passeggeri è disponibile a partire da 25.230 euro (prezzi in Italia IVA e messa in strada escluse).

Listino del Nuovo

Tutti i veicoli commerciali
Vai al listino