OmniAuto.it
MAN investe in una start-up americana - Attualità e Mercato

8 giugno 2016
di E.M.
tag: Attualità e Mercato, Man

Stampa
Invia ad un amico
Commenti (0)

MAN investe in una start-up americana

Il Costruttore tedesco della galassia Volkswagen Group ha annunciato un'operazione di 8,5 milioni di dollari

MAN, il marchio tedesco acquisito da Volkswagen Group che, assieme a Scania e alla divisione Veicoli Commerciali, fa parte della Holding VWN, ha ufficializzato un investimento di 8,5 milioni di dollari (7,6 milioni di euro) nella start-up californiana FR8 Revolution, la cui sede si trova, naturalmente, nella Silicon Valley. L'operazione avrà ricadute sull'intera flotta del gruppo: 200mila veicoli già connessi cui si aggiungerà l'intera produzione dal 2017 in poi.

I SERVIZI DI FR8 REVOLUTION
La mossa di MAN non apre nuovi scenari nel campo della logistica dei trasporti, ma conferma la crescente importanza dell'intreccio tra mobilità e connettività. FR8 Revolution ha messo a punto una piattaforma i cui servizi verranno commercializzati entro la fine dell'anno. La start-up ha sviluppato un sistema di gestione che rende disponibili dati in tempo reale per la pianificazione dei tempi di carico di spedizionieri, società di trasporto e autisti basati anche sulle rotte e sulle destinazioni.

DAGLI STATI UNITI ALL'EUROPA
Considerata l'accelerazione dei tempi e la determinazione nel limitare i magazzini e le ore di fermo delle merci (oltre che dei mezzi), la gestione ottimizzata della tempistica è diventata un fattore strategico. Secondo gli esperti, l'organizzazione del comparto ha ancora ampi margini di miglioramento: nei piani di MAN, la piattaforma di FR8 Revolution è destinata a venire trasferita anche nel Vecchio Continente. Il "portale" è un passo in avanti rispetto alla "borsa" sui carichi liberi gestita attualmente oltreoceano con telefono, fax o posta elettronica.

AZIENDE MAGGIORMENTE PRODUTTIVE E COMPETITIVE
I servizi della start-up sono stati concepiti in modo tale da coinvolgere tutti gli attori interessati, evidentemente in modo tale da limitare perdite di tempo per incrementare l'efficienza dell'intera filiera. Poiché molti veicoli sono già connessi, e in futuro lo saranno sempre di più, gli autotrasportatori possono diventare i terminali di una rete flessibile, tanto da variare una rotta di pochi chilometri per completare un carico evitando la messa su strada di un altro mezzo. "La digitalizzazione cambia il mondo dei trasporti in modo sostanziale", sintetizza Andreas Renschler, numero uno della Holding. "Con i servizi connessi possiamo aiutare i nostri clienti a lavorare in modo ancora più produttivo e quindi anche più competitivo".

Listino del Nuovo

Tutti i veicoli commerciali
Vai al listino

Gamma Man