OmniAuto.it
75 anni di iniezioni Bosch - Galleria Curiosità
75 anni di iniezioni Bosch - Galleria Curiosità- Thumb 1 75 anni di iniezioni Bosch - Galleria Curiosità- Thumb 2 75 anni di iniezioni Bosch - Galleria Curiosità- Thumb 3 75 anni di iniezioni Bosch - Galleria Curiosità- Thumb 4 75 anni di iniezioni Bosch - Galleria Curiosità- Thumb 5 75 anni di iniezioni Bosch - Galleria Curiosità- Thumb 6 75 anni di iniezioni Bosch - Galleria Curiosità- Thumb 7 75 anni di iniezioni Bosch - Galleria Curiosità- Thumb 8

18 febbraio 2011
di Gabriele Bolognini
tag: Curiosità, Bosch

Stampa
Invia ad un amico
Commenti (0)

75 anni di iniezioni Bosch

Le innovazioni tecnologiche per i motori Diesel dal 1936 al 2011

Quest’anno la Bosch festeggia 75 anni dalla prima applicazione sul motore Diesel di un proprio sistema di iniezione.
Era il 1936, infatti, quando la Mercedes-Benz estese l'uso dei motori Diesel, con sistema di iniezione Bosch alle proprie vetture, con il modello 260 D.
Con l’adozione dell’iniezione Bosch, un motore Diesel, a parità di potenza, era in grado di consumare un terzo di carburante rispetto a un benzina.
Nel 1950, la Bosch aveva già prodotto un milione di pompe Diesel per autovetture e camion. Agli inizi del 1960 l’Azienda tedesca immise sul mercato la prima pompa distributrice rotativa: più leggera e compatta delle pompe in linea esistenti, spianò la strada all'uso di motori Diesel di piccola cilindrata. La prima applicazione su vasta scala di questo sistema innovativo la ritroviamo nelle Volkswagen Golf Diesel del 1975.
Risale agli anni ’80 il sistema di regolazione elettronica EDC (Electronic Diesel Control) Bosch per motori a gasolio, che, oltre ad incrementare la potenza, riduceva emissioni, consumi e rumorosità. Nel 1989 viene prodotta la prima pompa per iniezione Diesel diretta. Nel 1996 nasce la pompa distributrice a pistoni radiali.

IL SISTEMA COMMON RAIL
Una vera e propria rivoluzione, nella tecnologia dei motori Diesel, è rappresentata dal sistema Common Rail, la cui applicazione su veicoli di serie risale al 1997. A tal proposito ricordiamo che ideazione, progettazione e sviluppo del sistema “common rail” sono iniziati nel 1990 in Italia da una collaborazione tra Magneti Marelli e Centro Ricerche Fiat. Nel 1994, il brevetto fu venduto alla Robert Bosch GmbH che ne completò lo sviluppo e la successiva industrializzazione.
In pratica una pompa, indipendentemente dal regime di rotazione del motore, introduce gasolio all'interno di un collettore comune, ovvero “common rail”, generando una riserva di combustibile in pressione pronto per essere iniettato nei cilindri. Dal collettore si diramano 4 o 5 tubazioni (una per ogni cilindro) in corrispondenza di altrettanti elettroiniettori. Gli elettroiniettori si aprono quando ricevono un opportuno comando elettrico dalla centralina elettronica di gestione. Il gasolio in eccesso (ad alta temperatura) viene rimandato al serbatoio dove si miscela con il gasolio a temperatura ambiente. Di tutte le alternative disponibili alla fine degli anni '90, la tecnologia dell'iniezione common rail si rivelò quella vincente. A partire dal 1997, Alfa Romeo 156 JTD e Mercedes-Benz 220 CDI furono le prime auto a usare l’innovativo sistema, che garantiva pressioni elevate e costanti fino a 1.350 bar. Il sistema common rail rese possibile, per la prima volta, l'uso di iniezioni multiple. Nel 2003, Bosch lanciò la terza generazione del sistema di iniezione common rail con iniettori piezoelettrici. Confrontato con i suoi predecessori, questo sistema riduceva ulteriormente il consumo di carburante e le emissioni, nonché la rumorosità. La tecnologia common rail ha decretato il gran successo nella diffusione dei motori Diesel all'inizio del nuovo millennio. Basti pensare che, fino al 1997, solo il 22% delle autovetture vendute in Europa erano Diesel, oggi questa cifra è più che raddoppiata. Ad oggi sono oltre 66 milioni i motori equipaggiati dal sistema common rail Bosch.
75 ANNI DI TRAGUARDI PER I MOTORI DIESEL
1936 - Avvio produzione del sistema a iniezione Diesel nelle autovetture
1950 - Prodotte un milione di pompe a iniezione Diesel
1960 - Prima pompa di distribuzione VM
1975 - Pompa di distribuzione rotativa VE
1986 - Controllo elettronico per pompe rotative
1987 - Controllo elettronico Diesel per pompe in linea
1989 - Pompa VP37 per iniezione diretta (autovetture)
1996 - Pompa distributrice a pistone radiale VP44
1997 - Avvio della produzione in serie della pompa ad alta pressione common rail tipo CP1 presso l'impianto italiano di Bari / Avvio della produzione dell'iniettore CRI1 a Bamberg, in Germania / Pressione iniezione fino a 1350 bar
1998 - Sistema Unit Injector (UIS) per autovetture
1999 - Prodotti un milione di sistemi common rail
2001 - Common rail di seconda generazione per autovetture / Pressione iniezione: fino a 1.600
2001 - Produzione dei componenti common rail a Charleston, negli Stati Uniti
2002 - Prodotti 10 milioni di sistemi common rail
2003 - Common rail per autovetture di terza generazione con iniettori piezoelettrici e pressione iniezione fino a 1.800 bar
2005 - Avvio della produzione dei componenti del common rail a Nashik, India
2006 - I motori diesel arrivano al 50% del mercato nell'Europa occidentale.
2006 - L'Audi R10 TDI, con motore Diesel e tecnologia di iniezione Bosch, vince la gara Le Mans. Altre vittorie a Le Mans nel 2007, 2008 e 2010.
2007 - Bosch produce il primo sistema a iniezione 2000 bar del mondo
2008 - Accordo strategico PSA Peugeot Citroën e Robert Bosch GmbH per lo sviluppo della tecnologia diesel ibrida
2009 - Prodotti 50 milioni di sistemi common rail Bosch
2009 - Primi veicoli Euro 6 sul mercato a utilizzare Diesel, cinque anni prima dell'obbligatorietà dell'Euro 6
2011 - Oltre 66 milioni i motori equipaggiati dal sistema common rail Bosch / Primo ibrido diesel Bosch in produzione in serie per PSA Peugeot Citroën.

Listino del Nuovo

Tutti i veicoli commerciali
Vai al listino

Gamma Bosch