OmniAuto.it
Fuso Canter E-Cell, prime impressioni - Galleria Test- Thumb 1 Fuso Canter E-Cell, prime impressioni - Galleria Test- Thumb 2 Fuso Canter E-Cell, prime impressioni - Galleria Test- Thumb 3 Fuso Canter E-Cell, prime impressioni - Galleria Test- Thumb 4 Fuso Canter E-Cell, prime impressioni - Galleria Test- Thumb 5 Fuso Canter E-Cell, prime impressioni - Galleria Test- Thumb 6 Fuso Canter E-Cell, prime impressioni - Galleria Test- Thumb 7 Fuso Canter E-Cell, prime impressioni - Galleria Test- Thumb 8 Fuso Canter E-Cell, prime impressioni - Galleria Test- Thumb 9 Fuso Canter E-Cell, prime impressioni - Galleria Test- Thumb 10 Fuso Canter E-Cell, prime impressioni - Galleria Test- Thumb 11 Fuso Canter E-Cell, prime impressioni - Galleria Test- Thumb 12 Fuso Canter E-Cell, prime impressioni - Galleria Test- Thumb 13 Fuso Canter E-Cell, prime impressioni - Galleria Test- Thumb 14 Fuso Canter E-Cell, prime impressioni - Galleria Test- Thumb 15 Fuso Canter E-Cell, prime impressioni - Galleria Test- Thumb 16

12 aprile 2016
di Francesco Stazi
tag: Test, Fuso

Stampa
Invia ad un amico
Commenti (0)

Fuso Canter E-Cell, prime impressioni

Provato in anteprima la pre-serie del nuovo cab over a trazione completamente elettrica

Fuso elettrizza la distribuzione urbana e tira le somme del primo ciclo di sperimentazione del Canter E-Cell che si sta concludendo in questi giorni in Portogallo in maniera estremamente positiva. Pur trattandosi ancora di una pre-serie il Veicolo giapponese costruito nella lusitana Tramagal si è dimostrato affidabile e redditivo con un’autonomia effettiva di circa 100 km e una capacità di carico che supera abbondantemente le due tonnellate.

COM’È
Esteticamente il Canter E-Cell non differisce dal suo omologo a motore termico o ibrido, se non per i pacchi batterie montati ai lati del telaio e per il motore elettrico posizionato sempre sotto la cabina che trasmette la coppia alle ruote posteriori. Per il resto il Canter E-Cell mantiene tutte le caratteristiche di maneggevolezza della versione classica, fra cui l’ottimo raggio di sterzata e le dimensioni contenute in larghezza della cabina che ne fanno un buon compagno di lavoro in città. La cabina è d’impostazione decisamente camionistica e non offre un comfort estremo; i comandi però sono tutti a portata di mano e la posizione di guida sufficientemente comoda cosi come la visibilità che è ottima. L’autotelaio è omologato per un peso complessivo di sei tonnellate a fronte di una tara di circa tre. Il passo da 4.300 mm offre una buona allestibilità per componenti fino a 4,40 metri. Come detto, considerando un allestimento medio, per esempio un cassonato, la portata massima si attesta oltre le 2 tonnellate, ideali per la distribuzione urbana per cui è pensato il Canter E-Cell.

COME VA
Il motore elettrico a magnete permanente offre una potenza di 110 kW (150 CV) e una coppia di 650 Nm subito disponibile e quindi non vi nascondo che la prima caratteristica con cui mi sono dilettato alla guida è stata l’accelerazione: davvero impressionante. La silenziosità è la seconda cosa che colpisce, la terza, la potenza frenante in rilascio, dovuta anche al sistema di recupero dell’energia che può essere regolato dalla leva (del freno motore) alla destra dello sterzo. Per la sicurezza dei pedoni Canter E-Cell è dotato di un dispositivo di avvertimento acustico, VSP, attivabile dalla cabina. Per facilitare le manovre, con il cambio in posizione D ed R è disponibile anche la funzione marcia lenta. La velocità massima del Canter E-Cell è limitata a 90 km/h, anche per consentire un’autonomia media testata intorno ai 100 km. Per motivi tecnici e di omologazione abbiamo effettuato la prova in uno spazio privato e di conseguenza non c’è stata la possibilità di testare al massimo tutte le funzionalità e le particolarità dal veicolo. Quello che, però, abbiamo potuto rilevare e tramettere è la netta sensazione che pure con un motore elettrico le funzionalità e caratteristiche tipiche le Canter non vengono intaccate sopratutto se consideriamo un utilizzo stradale in città.

CURIOSITÀ
Quando si dice che anche il veicolo elettrico mantiene le caratteristiche del gemello a motorie termico si tende a generalizzare sempre un po’. Nel caso del Canter, invece, tutto è riproposto fedelmente; persino il freno motore manuale che, nella versione termica, regola l’apertura delle valvole per creare una contropressione frenante. Nel Canter E-Cell, invece, serve a regolare la quantità di energia cinetica da recuperare in rilascio, ma funziona esattamente nello stesso modo, tanto che, con un po’ di abitudine, sfruttando acceleratore e, appunto, il freno motore si riesce a toccare i freni “classici” esclusivamente per fermare il veicolo.

QUANTO COSTA
Il Canter E-Cell in pre-serie è realizzato, ovviamente, in una sola variante anche se per la sperimentazione in Germania, che sta partendo in questi giorni, viene utilizzato un allestimento con ribaltabile. Per il momento viene prodotto nello stabilimento di Tramagal su una linea dedicata all'assemblaggio di prototipi, ma per la produzione in serie potrà essere utilizzata la linea classica che già assembla le versioni a motore termico e ibride. Per la commercializzazione e per i relativi prezzi si dovrà attendere, quindi, almeno un altro anno.


SCHEDA
Motorizzazione provata: elettrica
Quando arriva: probabilmente fra un anno
Quanto costa: non dichiarato
Quanti CV ha: 150
Quanto consuma (ciclo combinato):47,6 kWh/100 km
Quanta CO2 emette: 0 in fase di utilizzo
0-100 km/h: non dichiarato
Garanzia: non dichiarata

Listino del Nuovo

Tutti i veicoli commerciali
Vai al listino

Gamma Fuso