OmniAuto.it
Grande matrimonio nella logistica - Attualità e Mercato

16 ottobre 2015
di E.M.
tag: Attualità e Mercato

Stampa
Invia ad un amico
Commenti (0)

Grande matrimonio nella logistica

La danese DSV ha annunciato l'accordo per l'acquisizione dell'americana UTI: nasce un colosso planetario da oltre 10 miliardi di euro di fatturato

La Danimarca fa la "spesa" negli Stati Uniti. I consigli di amministrazione della scandinava DSV e dell'americana UTI hanno approvato un'operazione da 1,2 miliardi di euro, cioè 6,3 per titolo corrisposti agli azionisti, che porterà la seconda sotto il controllo della prima. Al via libera definitivo mancano solo il via libero dei possessori del capitale di UTI che appare tuttavia quasi scontato perché il prezzo riconosciuto è del 50% superiore a quello di chiusura dell'8 ottobre e quello delle autorità Antitrust.

"DOTE" DI 3,1 MILIARDI DI GIRO D'AFFARI<7b>
Con l'acquisizione nasce un colosso del trasporto e della logistica mondiale da oltre 10 miliardi di euro di fatturato. La "dote" di UTI è di 3,9 miliardi di euro di fatturato con 21mila dipendenti ed operazioni in 58 Paesi. La danese DSV ha attività in 70 Paesi, occupa 23mila persone e ha un giro d'affari di 6,5 miliardi di euro. Anche prima dell'intesa erano società di primissimo livello. Con l'accordo, UTI (una fra le 20 società del comparto al mondo) diventa la "filiale" americana di DSV, sesto operatore planetario sia nel trasporto aereo delle merci sia spedizioniere marittimo.

"SIAMO COMPLEMENTARI", DICE LARSEN
Con questo investimento non nasce soltanto una delle realtà del trasporto e della logistica a livello planetario, ma una società europea diventa ancora più competitiva. "Siamo perfettamente complementari", ha spiegato Kurt K. Larsen, numero uno di DSV. L'integrazione consentirà a DSV di ampliare l'attività marittima e aerea<7B> e di presidiare meglio un mercato importante come quello del Nord America e uno in espansione come quello del Sud Africa.

61% FATTURATO IN EUROPA, NORD AFRICA E MEDIO ORIENTE
Anche se da tempo DSV "corteggiava" UTI, a inizio anno un esponente della società danese aveva detto che i piani di acquisizione erano stati congelati perché l'operazione era stata giudicata troppo costosa. Poi l'accelerazione. Secondo le valutazioni della società danese, il fatturato avrà d'ora in poi una distribuzione più "equilibrata": il 61% sarà legato a Europa, Medio Oriente e Nord Africa, il 17% in America (del Nord e del Sud), il 16% in Asia e il 6% nelle altre parti del continente Nero.

Listino del Nuovo

Tutti i veicoli commerciali
Vai al listino